Tante idee originali e creative per riciclare gli avanzi di lana e cotone realizzando accessori utili e belli

Quando si pensa ai lavori con ferri e lana, la mente vola subito ai tempi passati. Si tende infatti a pensare che i lavori a maglia siano un’attività antica, tipica delle nostre nonne, che realizzavano in questo modo la maggior parte degli indumenti, per sé e per il resto della famiglia. Negli ultimi tempi, il lavoro a maglia è diventato un hobby sempre più diffuso. Sia tra le donne ed anche fra gli uomini. La riscoperta di questo hobby potrebbe essere una moda passeggera. Tuttavia, si tratta di un passatempo utile, che rilassa e che si può praticare ovunque. Basta portare con sé, nella borsetta, i ferri e un gomitolo, e possiamo sferruzzare anche se siamo nella sala d’attesa del dentista.

Con il lavoro a maglia possiamo realizzare tantissimi capi. In base al livello di abilità, possiamo creare capi più semplici ed altri più elaborati. In genere, però, non si riesce a consumare l’intero gomitolo di lana. Nei cassetti delle amanti del cucito, è facile quindi trovare tantissimi avanzi di lana e cotone. Sono troppo pochi per pensare di dar corso a nuovi progetti importanti. Tuttavia, buttarli è uno spreco. Ancora una volta, il riciclo creativo può venire in nostro soccorso. In altra occasione abbiamo suggerito ad esempio come riutilizzare le confezioni di ricotta e cosa fare con foulard e vecchie sciarpe di lana. Liberando fantasia e creatività, possiamo infatti sfruttare questi avanzi per dare vita a bellissime decorazioni. E non solo.

Tante idee originali e creative per riciclare gli avanzi di lana e cotone realizzando accessori utili e belli

Per prima cosa, possiamo creare delle nappe decorative. Realizzarle è davvero facile. Basta avvolgere il filo attorno ad un cartoncino per formare una matassina e raccogliere tutte le gugliate, facendo fare al filo stesso 3 o 4 giri attorno alla matassina stessa. Per una nappina serve pochissimo filato. Una volta realizzate, possiamo usare le nostre nappe in svariati modi. Le possiamo applicare ad orecchini, così da creare dei pendenti, ma anche a borse e portachiavi. Legandole a delle graffette grosse, ecco dei simpatici segnalibro. Ed ancora, le possiamo usare per decorare pacchi regalo o possiamo cucirle agli angoli dei cuscini da sistemare sul divano.

Simili alle nappe sono poi le frange. In questo caso, dobbiamo preparare tanti fili di lana che siano lunghi il doppio rispetto alla misura della frangia che vogliamo ottenere. Piegare quindi i fili a metà ed infilare la gugliata nel punto che si vuole. Far passare i fili attraverso l’asola creatasi e stringere. Possiamo usare le frange per personalizzare sciarpe, cappelli, scaldacollo, scialli, borse, tovaglie, paralumi delle lampade… Le possibilità sono praticamente infinite. Basta guardarsi attorno e farsi ispirare. Prendendo più fili, magari di diverso colore e anche di differente tessuto, possiamo creare delle treccine per farne un bel braccialettino colorato, tipo quelli portafortuna.

Decorazioni a tema

I fili di lana o di cotone avanzati sono ideali per realizzare le decorazioni natalizie. Possiamo rivestire palline di polistirolo o stelle e cuori intagliati in un cartoncino. Ed ecco pronte le decorazioni da appendere all’albero il prossimo dicembre. Per questo scopo, optare per colori come il rosso, il bianco e il verdone, che fanno subito aria di Natale. Ecco, dunque, tante idee originali e creative per riciclare i fili di lana avanzati.

Lettura consigliata

Guai buttare i vecchi maglioni al cambio di stagione perché sono geniali per queste 6 carinissime idee di riciclo creativo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te