Svelato quando mangiare dopo i 40 anni per non ammalarsi e controllare metabolismo e glicemia

Con l’avanzare dell’età, il nostro corpo si rallenta e ciò si rende evidente soprattutto dopo i pasti. Se infatti a 20 anni potevamo “mangiare anche le pietre” senza problemi, dopo i 40 diventa importante anche l’orario dei pasti. Il metabolismo è più lento e anche il processo della digestione rallenta.  Se a 20 anni era facilmente smaltibile una copiosa porzione di dolci, dopo i 40 è necessario stare attenti. Infatti così come è semplice mettere su chili di troppo, è altrettanto difficoltoso smaltirli.  Ed ecco allora svelato quando mangiare dopo i 40 anni per non ammalarsi e controllare metabolismo e glicemia.

Infatti, oltre all’aspetto fisico, dopo i 40 anni è ancora più importante seguire un’alimentazione sana necessaria a contrastare glicemia e colesterolo alti. Proprio come consigliato nell’articolo “Questi piccoli ortaggi ricchissimi di vitamina K proteggono il cuore e prevengono i tumori”. Ma se abbiamo apportato modifiche alla nostra dieta, con scarsi risultati, è necessario capire dove si sta sbagliando.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Se nonostante i continui sforzi, non si ottengono risultati potrebbe essere che la frequenza dei pasti non corrisponda al nostro orologio biologico. Si chiama ritmo circadiano, ed è l’orologio che regola le nostre attività biologiche.

Svelato quando mangiare dopo i 40 anni per non ammalarsi e controllare metabolismo e glicemia

Proprio la correlazione tra il ritmo circadiano e la frequenza e la quantità dei pasti ha evidenziato una nuova grande bella verità. Ovvero, per non ammalarsi, è necessario assecondare i ritmi biologici del corpo. Secondo uno studio, assumere cibo in maniera asincrona rispetto ai ritmi circadiani, aumenta il rischio di malattie. Infatti il sistema circadiano regola il metabolismo del glucosio, dell’energia e dei lipidi. Secondo i ricercatori, l’interruzione di questi ritmi può compromettere il metabolismo e sviluppare malattie metaboliche.

Pertanto è importante assecondare i propri ritmi biologici anche nell’assunzione di cibo, cominciando da una ricca colazione, procedendo verso una riduzione graduale nelle ore serali. Ad esempio si può partire con un frullato ricco di proteine e sali minerali, infatti bastano questi due frutti a colazione per fare il pieno di felicità nel cuore. Diventa quindi, fondamentale non saltare i pasti e cominciare la giornata sempre con una ricca colazione.

Diventa fondamentale far coincidere il sistema circadiano con il comportamento alimentare perché si riesce ad influenzare il metabolismo. La diretta conseguenza di un comportamento cronobiologicamente corretto è la cura e la prevenzione del diabete e dell’obesità.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te