Questi piccoli ortaggi ricchissimi di vitamina K proteggono il cuore e prevengono i tumori 

Le malattie cardiovascolari rappresentano le principali cause di mortalità e invalidità nella nostra popolazione ma per fortuna, molte di esse si possono prevenire. Ciò perché sono determinate anche da fattori di rischio che si possono modificare, come lo stile di vita e il tipo di alimentazione. Mentre i tumori sono la seconda causa di mortalità. Anche in questo caso ci sono molti fattori di rischio modificabili. Più volte infatti i consulenti di ProiezionidiBorsa hanno evidenziato come l’introduzione di determinati alimenti nella dieta giornaliera possa apportare notevoli benefici a mente e corpo.

Si pensi ad esempio all’orzo che se introdotto nel nostro regime alimentare può aiutare cuore, arterie e cervello. Infatti, questo alimento povero pulisce le arterie dal colesterolo e protegge cuore e cervello dall’ischemia. Ma ci sono anche dei piccoli ortaggi ricchissimi di vitamina K proteggono il cuore e prevengono i tumori. Infatti quest’oggi i consulenti di ProiezionidiBorsa illustreranno le incredibili proprietà nutrizionali dei cavoletti di Bruxelles. Oltre a diventare un delizioso contorno, sono un vero e proprio toccasana per la nostra salute.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Questi piccoli ortaggi ricchissimi di vitamina K proteggono il cuore e prevengono i tumori

Questi piccoli cavoli sono davvero un ottimo alimento da inserire nel regime alimentare giornaliero come contorno ideale per il pesce e anche per la carne. Inoltre hanno pochissime calorie. Ma il loro punto forte è l’elevato contenuto di vitamina K, 100 gr ne contengono circa 177 mg. La vitamina K è molto importante per il nostro cuore. Infatti espelle il calcio in eccesso nelle arterie, impedendo le calcificazioni ed aiuta l’organismo nel processo di coagulazione del sangue.

Inoltre un recente studio ha mostrato come il consumo di verdure aiuti a contrastare l’insorgenza di tumori. Ovvero, grazie alla molecola chiamata indolo-3-carbinolo contenuta in questi ortaggi si ripristina l’attività di PTEN un gene che contrasta la crescita dei tumori. Pertanto questi piccoli ortaggi, sono davvero un elisir di lunga vita.

Approfondimento

Attenzione a questi sintomi occasionali perché dopo i 50 anni potrebbero indicare una pericolosa infiammazione 

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te