Svelato finalmente il segreto per avere un caffè della moka intenso come al bar

Quella del caffè è una tradizione che si tramanda dai secoli dei secoli. Un piccolo piacere che allieta le nostre giornate e soprattutto il risveglio del mattino. Ma il caffè si gusta anche dopo i pasti, specialmente dopo pranzo, così da evitare la tipica sonnolenza da pancia piena.

In precedenza ci eravamo chiesti cosa dovremmo scegliere tra la moka e il caffè in capsule, ma in realtà non esiste una risposta corretta. Dipende dai nostri gusti, dipende dalle nostre finanze e dal nostro attaccamento alla tradizione.

Bene, posto che se parliamo di tradizione non può che vincere la moka, ecco che oggi ci soffermeremo proprio su questa. Simbolo del caffè per antonomasia, ognuno di noi ne ha avuta almeno una in casa. Ma perché tante persone preferiscono il caffè della macchinetta o del bar? Scopriamolo subito.

Svelato finalmente il segreto per avere un caffè della moka intenso come al bar

La risposta sta nel gusto, ovviamente: generalmente più corposo quello del bar e più leggero quello della moka.

Non si tratta di una regola assoluta, ma nella maggior parte dei casi potremmo dire essere proprio questa la differenza principale tra i due tipi.

Tuttavia, esiste un modo per rendere anche il caffè fatto nel modo più tradizionale possibile, buono come quello della macchinetta. Ecco svelato finalmente il segreto per avere un caffè della moka intenso come al bar, vediamo di cosa si tratta.

Tutto parte dal modo in cui si riempie il filtro.

Si era già parlato di un trucchetto geniale per riempire il filtro senza disperdere neppure un chicco. Questo trucchetto non solo evitava di sporcare, ma faceva in modo che il caffè nel filtro fosse compresso e non “a montagnetta”, come tanti consigliano.

Caffè compresso e caffè a montagnetta

Se ci stiamo chiedendo cosa cambi tra l’uno e l’altro, anche in tal caso la risposta sta nel gusto. Molti sconsigliano di comprimere il macinato nel filtro, perché ostruirebbe il passaggio dell’acqua.

Probabilmente non è un ragionamento sbagliato ed ecco perché non suggeriamo di schiacciare letteralmente il caffè quando lo aggiungiamo, ma di pressare delicatamente. In questo modo, scopriremo con il nostro stesso palato, che il caffè sarà più intenso e corposo. Non solo al palato, ma anche alla vista, dato che un caffè buono si riconosce anche dall’aspetto e dall’odore.

Insomma, non resta che scegliere a noi come fare il caffè in base ai nostri desideri. Un giorno più morbido e il giorno dopo più intenso, in ogni caso da oggi sappiamo finalmente come fare.

Consigliati per te