Sai che puoi riutilizzare l’acqua di cottura dei legumi?

Sai che puoi riutilizzare l’acqua di cottura dei legumi?

ProiezionidiBorsa TV

Le idee per riciclare ciò che normalmente si butta permettono di risparmiare in modo creativo e riducono gli sprechi.

Ci sono cose che proprio non ci sogneremmo di conservare, eppure gli utilizzi non mancano.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Ad esempio sai che puoi riutilizzare l’acqua di cottura dei legumi? Ti spieghiamo come.

L’acqua di cottura non è l’acqua di ammollo

Se hai dei dubbi sulla preparazione dei legumi ti consigliamo di dare un’occhiata anche all’articolo su come renderli più digeribili. Scoprirai, tra le altre cose, che i legumi secchi prima della cottura necessitano risciacquo e ammollo. Non è questa l’acqua da tenere, perché potrebbe avere delle impurità. L’acqua pulita in cui cuociamo ceci, fagioli o lenticchie invece è ancora sfruttabile.

Riutilizzare l’acqua di cottura dei legumi in cucina

Il più immediato metodo per non sprecare quest’acqua è quella di usarla come base per brodi, zuppe e minestre. Oppure per la cottura dei cereali, o ancora per cuocere le verdure al vapore. Sostituita all’acqua semplice renderà i cibi cotti al vapore più saporiti e le zuppe più ricche e cremose.

Un uso sicuramente curioso e sorprendente è quello che vede quest’acqua come sostituta dell’albume d’uovo nelle ricette. Il metodo è chiamato aquafaba. Grazie agli amidi, le proteine e anche alle saponine che contiene, l’acqua di cottura dei legumi può essere montata a neve come l’albume. Così si possono preparare impasti, mousse e addirittura meringhe completamente vegetali. Naturalmente, se si vuole ottenere un ingrediente per dolci bisognerà evitare il sale, o metterne giusto un pizzico. I più efficaci legumi per l’aquafaba sono ceci e fagioli cannellini.

Sai che puoi riutilizzare l’acqua di cottura dei legumi per la cura del corpo?

L’acqua di cottura avrà amidi e saponine, leggermente detergenti.
Puoi sfruttarla per una detersione delicata del viso. Se indossi del trucco rimuovilo prima con uno struccante adatto. Poi completa la pulizia applicando l’acqua dei legumi con un batuffolo di cotone e poi risciacquando. La pelle sarà morbida e pulita.

Oppure può essere impiegata per un pediluvio rilassante ed emolliente, per concludere la giornata. In questo caso anche se l’acqua fosse salata non sarà affatto un problema.

Se vuoi riutilizzare sulla pelle l’acqua di cottura dei legumi, o dei cereali, ricorda di non aggiungere ingredienti irritanti. Ad esempio pepe e peperoncino, che non vanno avvicinati al viso. Oppure oli e grassi, che annullerebbero le proprietà detergenti e ungerebbero la pelle in modo spiacevole.

Consigliati per te