Questi fortunati laureati guadagnano 1.841 euro netti a 5 anni dal titolo e sono richiestissimi 

Abbiamo già visto qual è il percorso scolastico che conduce a successo, lavoro e carriera. In genere, le motivazioni che portano i giovani ad abbracciare un preciso piano di studi sono tre. Anzitutto si sceglie in base alle aspirazioni professionali, in modo da farsi trovarsi pronti sul mercato del lavoro. Infine, si ragiona, sarà più facile ambire a una retribuzione sopra la media.

Un’indagine OCSE del 2018, infatti, ha constatato che un laureato guadagna il 37% in più rispetto ad un diplomato.

Sempre sullo stesso tema, una recente indagine di AlmaLaurea ha stilato la classifica dei laureati più pagati a 5 anni dal conseguimento del titolo. In un mondo dominato da Internet e social media, sono i laureati in informatica e tecnologie (ICT) a occupare il podio. Infatti, questi fortunati laureati guadagnano 1.841 euro netti a 5 anni dal titolo e sono richiestissimi sul mercato del lavoro.

Il Rapporto 2021 sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati

Il recente “Rapporto 2021 sul profilo e sulla condizione occupazionale dei laureati” di AlmaLaurea analizza, tra gli altri, due elementi. Vengono considerati il tasso di occupazione e il livello delle retribuzioni a seconda del profilo di studi intrapreso.

Abbiamo già visto qual è il tasso di occupazione dei laureati magistrali del 2015, ossia a 5 anni dal conseguimento del titolo (anno di indagine: 2020). Una laurea, infatti, offre mediamente dei vantaggi occupazionali importanti rispetto al possesso del solo diploma.

Le retribuzioni dei laureati a 5 anni dal titolo

A 5 anni dalla laurea, la retribuzione mensile netta è pari a 1.469 euro per i laureati di primo livello. Retribuzione che sale circa del 6% (5,92% per l’esattezza) per quelli di secondo livello: 1.556 euro netti mensili.

Dall’indagine AlmaLaurea, si evince inoltre che le retribuzioni sono in aumento sia sull’anno precedente sia, in generale, dal 2015. Ad esempio, nel 2015 i laureati di primo livello guadagnavano 1.387 euro netti al mese, contro i 1.404 di quelli del secondo.

La classifica delle retribuzioni mensili nette

Vediamo a questo punto qual è la classifica delle retribuzioni mensili nette per gruppo disciplinare di studi. L’anno di indagine è il 2020 e considera i laureati magistrali biennali del 2015, quindi intervistati a 5 anni dal completamento del percorso di studi. Abbiamo (il gruppo giuridico non è riportato):

  • laureati ICT, 1.841 euro;
  • ingegneri industriali e dell’informazione, 1.837 euro;
  • laureati dell’area economica, 1.644 euro;
  • architetti e ingegneri civili, 1.587 euro;
  • laureati dell’area scientifica, 1.572 euro;
  • laureati dell’area politico-sociale e comunicazione, 1.492 euro;
  • area agraria-forestale, 1.463 euro;
  • laureati dell’area medico-sanitaria, 1.431 euro;
  • area linguistica, 1.389 euro;
  • laureati in scienze motorie e sportive, 1.354 euro;
  • laureati dell’area letterario-umanistico, 1.349 euro;
  • arte e design, 1.272 euro;
  • educazione e formazione, 1.270 euro;
  • gli psicologi, 1.180 euro.

Il valore medio, infine, risulta essere pari a 1.552 euro.

Questi fortunati laureati guadagnano 1.841 euro netti a 5 anni dal titolo e sono richiestissimi

Fermi restando i dovuti distinguo da caso a caso, sembra quindi confermata una semplice legge dell’economia. All’aumentare della domanda di un bene (cioè le competenze professionali), aumenta il prezzo, ossia la retribuzione della prestazione lavorativa.

Un’ulteriore considerazione, dunque, da tenere a mente per chi punta a conseguire una realizzazione umana e stipendio.

Approfondimento

Vietato perdersi questi 181 posti di lavoro a tempo indeterminato in Puglia per diplomati e laureati.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te