Questa pianta molto comune potrebbe eliminare umidità e cattivi odori in casa in un solo colpo

Nelle nostre case tende spesso ad accumularsi l’umidità, rendendo l’aria pesante e provocando la comparsa di muffe. Queste non sono solo antiestetiche ma sono anche una vera e propria minaccia per la salute. Tutto può cominciare con delle piccole macchie, sui muri, sui tessuti e nelle fughe tra le mattonelle.

Ecco perché è essenziale arieggiare la casa almeno una volta al giorno, anche per permettere un ricambio d’ossigeno.

Ci sono, però, dei metodi naturali che possiamo adottare per eliminare i segni dell’umidità. In realtà, però, possiamo fare di meglio, prevenendone la comparsa decorando la casa con le piante più adatte.

Questa pianta molto comune potrebbe eliminare umidità e cattivi odori in casa in un solo colpo

Per eliminare le macchie di muffa spesso si pensa che la candeggina sia l’unica soluzione, ma non è così. Infatti, ci sono alcuni ingredienti naturali come il bicarbonato che possono aiutarci a eliminarla.

Per agire a monte, invece, oltre ad arieggiare la casa, potremmo pensare di investire in un buon deumidificatore.

Allo stesso tempo, le piante giuste possono avere una certa efficacia in questo senso. Si tratta probabilmente di un’opzione più economica ed esteticamente piacevole. Le piante che riescono ad assorbire una certa umidità sono perlopiù tropicali. Queste infatti non emettono umidità come fanno quelle più comuni, ma la assorbono attraverso le foglie.

Un chiaro esempio è la Sansevieria, o Lingua di suocera, per via della forma allungata delle sue foglie. Cresce rapidamente anche con poca luce e senza particolari cure. Questo la rende la pianta da interno ideale, anche per padroni senza pollice verde.

Altre specie che purificano l’aria

Per un maggiore effetto potremmo accostare alla Sansevieria altre piante che riescono a purificare l’aria assorbendo l’umidità. Ad esempio, potremmo posizionare il bagno una splendida pianta tipica dei nostri sottoboschi: la felce. Questa pianta molto comune richiede poche cure e predilige l’ombra.

C’è poi il Tronchetto della felicità, che con la sua forma particolare ha dato origine a tante leggende e alla credenza che porti fortuna. Che questo sia vero o no rimarremo comunque con una bella pianta, perfetta per riempire gli angoli ciechi della casa. Innaffiamola una o due volte a settimana e godiamoci l’aria fresca grazie alle nostre piante accuratamente selezionate.

Lettura consigliata

Perché sempre più persone mettono le pigne nei vasi per avere piante rigogliose e fiorite

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te