Quattro consigli utili più uno per proteggere i capelli dal cloro in piscina, per godere dell’estate senza preoccupazioni e ritrovare una chioma sana

Qualche tuffo in piscina potrebbe capitarci nella prossima imminente estate. Magari prima del periodo di vacanza, per molti di noi, può essere un modo per interrompere il ritmo incessante. Almeno per qualche ora.

Una nuotata spensierata è certamente il modo migliore per uno stop and go nel periodo di intensa calura. Attenzione, però, ai capelli. Soprattutto noi donne, con capelli trattati o lunghi, dobbiamo adottare delle precauzioni per evitare danni.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Anche perché avremmo, poi, serie difficoltà a risanare il pigmento del capello. Ecco quattro consigli utili più uno per proteggere i capelli dal cloro in piscina, per godere dell’estate senza preoccupazioni e ritrovare una chioma sana. Quindi capelli setosi e morbidi.

Usiamo degli oli

Prima di trascorrere la nostra giornata in piscina, scegliamo di distribuire dell’olio sui capelli avendo cura di non ungere la cute. Il nostro nemico (che però è alleato della disinfezione dell’acqua) è il cloro. Chiaramente è indispensabile ci sia perché ci garantisce l’igiene della vasca. Ma può aggredire i capelli.

Quindi prima di indossare la cuffia, usiamo dell’olio. Servirà a rendere le ciocche più resistenti. Possiamo utilizzare olio di argan, di oliva o di cocco.

Bagnare i capelli prima

Eccoci al secondo dei quattro consigli utili più uno per proteggere i capelli dal cloro in piscina, per godere dell’estate senza preoccupazioni e ritrovare una chioma sana. Dobbiamo bagnare i capelli prima del tuffo. Solo con acqua.

In questo modo impediamo che la chioma tenda ad assorbire, come una spugna, l’acqua della piscina.

La cuffia

Meglio se optiamo per la cuffia in silicone. Facciamo attenzione, però, a non spezzare i capelli più sottili. A differenza di quella di tessuto, la cuffia in silicone permette una maggiore protezione dal cloro.

Lo shampoo

Dopo il bagno facciamo un risciacquo con acqua dolce. È importante. A fine giornata faremo uno shampoo specifico.

Fondamentale l’utilizzo di un prodotto delicato in grado di detergere senza alterare il naturale film idrolipidico (cioè la naturale barriera protettiva di cute e capelli).

Attenzione ai capelli colorati

Un discorso a sé riguarda i capelli colorati. Il cloro può modificare il tono di molte colorazioni soprattutto perché il capello colorato tende ad assorbire di più.

Indispensabile applicare i consigli elencati fin qui. Ma molto importante è usare uno shampoo giusto. Specifico per capelli colorati. Magari all’aloe o all’orzo. Il primo è utilissimo per riparare i capelli. L’orzo, invece, li rende particolarmente luminosi.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te