Quanto costa ai negozianti la commissione sui pagamenti elettronici?

Più volte abbiamo avuto modo di parlare dei pagamenti elettronici preferiti ai soldi contanti per un motivo prettamente di risparmio. Ma quanto costa ai negozianti la commissione sui pagamenti elettronici? Infatti l’introduzione del cashback ha spinto di più i consumatori a pagare con bancomat e carte di credito anche le spese più irrisorie. Ebbene, il consumatore in questo caso ottiene un rimborso del 10% dallo Stato oppure accumulando transazioni su transazioni può centrare il super cashback da 1.500 euro.

I commercianti pagano

Purtroppo, però, lo stesso discorso non può essere applicato agli esercenti che ci rimettono solamente. L’associazione Altroconsumo ha fatto qualche calcolo per conoscere quanto costa a un esercente la transazione con pagamento con carta di credito e bancomat. È bastato prendere le informazioni indicate nei foglietti informativi delle società che gestiscono i Pos per addivenire all’importo.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

L’azienda quanto paga di commissione?

I nostri Esperti di ProiezionidiBorsa per agevolare la lettura illustreranno un paio di esempi. Prendiamo il caso di una persona che acquista al bar caffè e cornetto 4,50 euro. Il consumatore recupera in futuro 45 centesimi mentre il negoziante su questa transazione piò spendere fino 50 centesimi.

Logicamente il peso della transazione aumenta in base all’importo. Un’attività che riceve un pagamento di 100 euro va incontro a circa 5 euro di commissioni. Per le attività economiche non è una questione solo di commissioni ma si aggiungono ulteriori centinaia di euro per la locazione e la gestione del Pos.

Cosa ha fatto il Governo

Il Governo da luglio 2020 ha introdotto un bonus Pos per le attività commerciali che fatturano fino a 400mila euro. Si tratta di un credito d’imposta del 30% sulle spese pagate dagli esercenti che accettano pagamenti con carte di credito e bancomat. Non è male come riconoscimento perché va  a ridurre le tasse da pagare.

Attualmente il negoziante non vede il beneficio perché, in questo momento storico, le tasse sono state posticipate o sono addirittura poche. Ebbene con questo articolo abbiamo visto quanto costa ai negozianti la commissione sui pagamenti elettronici e sulle spese immediate alle quali vanno incontro immediatamente.

Consigliati per te