Quali sarebbero i semi oleosi senza cianuro da mangiare a dieta e quanti consumarne ogni giorno

I semi potrebbero essere un ottimo alleato durante la dieta, da consumare come spezza fame o come brucia grassi. Ma non si possono mangiare tutti i semi. Solo alcuni sarebbero efficaci e non dannosi, se mangiati nella giusta quantità.

Innanzitutto vediamo quali semi contengono cianuro e dunque non dovrebbero essere ingoiati per evitare intossicazioni.

Mele, ciliegie, pesche e susine hanno al loro interno dei semi più o meno grandi contenenti amigdalina, contenuta anche  nelle mandorle amare. Questa sostanza produce cianuro. Sarebbe da evitare dunque l’ingestione di questi semi per non incappare in intossicazioni o effetti collaterali.

Quali sarebbero i semi oleosi senza cianuro da mangiare a dieta e quanti consumarne ogni giorno

Il vantaggio di introdurre i semi nell’alimentazione proverrebbe principalmente dalla loro capacità di regolare il metabolismo.
Verrebbero inoltre indicati per spezzare la fame tra un pasto e l’altro. Sarebbero da assumere durante la dieta perché aiuterebbero a bruciare calorie e darebbero un gradevole senso di sazietà.

I semi di cui stiamo per parlare sarebbero anche diuretici. Favorirebbero quindi l’eliminazione dei liquidi in eccesso, che spesso provocano gonfiore.
Regolerebbero il metabolismo, grazie al loro contenuto di fibre e aminoacidi. Verrebbero anche consumati per aiutare a mantenere sotto controllo il livello di colesterolo e prevenire il diabete.

Esistono diverse tipologie di semi che potrebbero essere utili all’organismo, ognuna con specifiche caratteristiche.

I semi di canapa favorirebbero lo sgonfiamento della pancia. Contengono molte proteine e omega 3 utili a bruciare grassi e minerali come zinco, magnesio e potassio, che aiuterebbero ad eliminare il gonfiore. Se ne potrebbero consumare tra i 10 ed i 20 grammi al giorno.

Una delle migliori varietà di semi per aiutare il dimagrimento sarebbe rappresentata dai semi di chia. Contengono molte fibre e antiossidanti, oltre che omega 3 e aminoacidi. Se consumati regolarmente potrebbero favorire il transito intestinale, abbassare il colesterolo, i trigliceridi e ridurre il grasso addominale.

Come si possono mangiare

Non abbiamo ancora finito di vedere quali sarebbero i semi oleosi che si dovrebbero mangiare ogni giorno. Ce ne sarebbero infatti altri tipi da tenere in considerazione. Si potrebbero mangiare semi di girasole per aiutare anche il benessere psicologico e sostenere i sacrifici di una dieta.
Questi semi sono considerati ottimi alleati per frenare l’ansia e ridurre il senso di stanchezza. Contengono inoltre grandi quantità di vitamina E, un potente antiossidante nemico dei radicali liberi. Possiamo scegliere anche semi di lino e semi di sesamo, che sarebbero ottimi alleati contro la stitichezza e favorirebbero la digestione.

Sarebbe preferibile consumare questi semi crudi, per non perdere le loro qualità benefiche. Bisognerebbe mangiarne 2 cucchiai 2 o 3 volte al giorno. Si possono integrare con altri alimenti, per agevolarne il consumo. Ad esempio si possono utilizzare nelle insalate oppure aggiungerli in uno yogurt o in un frullato.

I semi di chia si possono anche consumare aggiungendoli ad una dissetante acqua e limone. L’effetto rinfrescante è assicurato.

Lettura consigliata

Potremmo dire addio al metabolismo lento con questa dieta potenziata di tendenza per l’estate 2022 che dovrebbe far dimagrire anche in menopausa

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te