Pochissimi sanno di non mettere mai questi capi nell’asciugatrice per non rovinarne il tessuto

Quanto è comoda l’asciugatrice soprattutto d’inverno e quando mancano aria e sole per asciugare il bucato in modo naturale. Ma alcuni materiali che compongono il nostro abbigliamento non sono assolutamente compatibili con questo pur comodo elettrodomestico. Infatti, pochissimi sanno di non mettere mai questi capi nell’asciugatrice per non rovinarne il tessuto: i capi sintetici. E, considerando che riparte la stagione dello sport, ecco perché secondo gli esperti non dovremmo cadere in questo errore.

Sono almeno due i motivi di questa scelta

Pochissimi sanno di non mettere mai questi capi nell’asciugatrice per non rovinarne il tessuto per almeno due buoni motivi:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch
  • Macchie;
  • odori

L’asciugatrice raggiunge infatti delle temperature troppo alte per il sintetico della maggior parte dei capi sportivi. Questo comporta il rischio che le macchie permangano sul tessuto. Di conseguenza, anche gli odori anziché andarsene, potrebbero invece rimanere e lasciare quel tipico olezzo che emanano i tessuti sportivi soprattutto dopo il lavaggio. Per lo stesso motivo, le nostre Lettrici si saranno accorte che accade la stessa cosa mettendoli sui caloriferi d’inverno. Dobbiamo anche rammentare di riporre negli armadi e nei cassetti questo tipo di tessuti solo una volta asciugati del tutto. Ci riferiamo in particolare all’abbigliamento sportivo e a quello da palestra. In questi abiti ormai il sintetico la fa da padrone.

C’è comunque un componente naturale che ci può aiutare

Adesso andando ovviamente incontro all’estate il problema di asciugare all’aperto non si pone più. Ma, in previsione del prossimo inverno, nella speranza anche di tornare a fare sport tutti quanti, c’è un piccolo accorgimento per far sì che nel lavaggio il sintetico non puzzi. Ed è utilizzare dell’ossigeno. Acqua ossigenata e candeggina delicata, usate in parti minime, garantiranno ai nostri capi sportivi e sintetici quella dose di ossigeno che farà respirare anche i tessuti. Un piccolo suggerimento finale dettato dall’esperienza nel settore. Quando mettiamo a lavare le magliette sportive con le scritte, i loghi e gli sponsor, ricordiamoci di capovolgerle, in modo che rimanga esposta alla centrifuga la parte non scritta.

Approfondimento 

Ecco la causa della puzza insistente dei tessuti sintetici ma anche la soluzione per farli tornare splendidamente puliti e profumati

Consigliati per te