Pochi lo sanno ma questo è il modo migliore per friggere e risparmiare olio

A volte friggere a dovere può diventare un piccolo salasso economico. Volendo scegliere un buon olio si spende sempre qualcosa in più, ma risparmiare è possibile. E infatti pochi lo sanno ma questo è il modo migliore per friggere e risparmiare olio.

La regola più importante per friggere bene

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Molti si chiedono quale sia l’olio giusto per la frittura. L’olio, si sa, viene fatto o dalle olive oppure dai semi come di girasole, mais, arachidi ecc. Ognuno sceglie l’olio che gli piace, ma c’è un olio più indicato per la frittura?

Per ottenere una buona frittura la cosa importante da controllare è la temperatura. Una frittura senza problemi per la salute deve avvenire fra i 160 e i 180 gradi. Se si frigge a queste temperature siamo sicuri che la frittura non fa male alla salute. Perciò non è tanto il tipo di olio che è importante, ma piuttosto che possa raggiungere queste temperature. L’olio di Oliva e l’olio EVO, gli oli di semi raffinati raggiungono queste temperature.

Il trucco per stabilire la giusta temperatura di frittura

A meno che non si abbia un termometro da cucina, è difficile stabilire se l’olio abbia raggiunto la giusta temperatura. Ma il sotterfugio c’è ed è quello delle nostre nonne. Basta gettare nell’olio una piccola mollica di pane e vedere se comincia a friggere, creando le bollicine. Se è il caso allora la temperatura è quella giusta. Se invece annerisce allora la temperatura è troppo alta e bisogna abbassare la fiamma.

Pochi lo sanno ma questo è il modo migliore per friggere e risparmiare olio

La frittura non deve mai avvenire con poco olio, a meno che non si stia soffriggendo la cipolla. Per friggere bisogna mettere molto olio in padella o nella friggitrice, perché l’alimento possa immergersi completamente.

Certo una frittura che utilizza molto olio non è affatto economica, eppure è salutare. Si evita di trasformare in sostanze tossiche parti dell’alimento che bruciano e non friggono.

Il vantaggio di impiegare molto olio è che questo si può riutilizzare per una seconda volta. Se abbiamo fritto alla giusta temperatura, non sono presenti nell’olio sostanze tossiche. Inoltre si procede a filtrarlo, eliminando depositi di cibo. Lo si conserva lontano dalla luce e chiuso in un barattolo. Così facendo nel giro di 24 ore, si può riutilizzare per una nuova frittura. Certo molto dipende anche da cosa abbiamo fritto e dall’odore che emana. Ma se abbiamo fritto delle ciambelle, l’olio si può riutilizzare per friggere il pesce o altro.

Con queste regole si può risparmiare quasi il 50% della spesa, se si riesce a riutilizzare l’olio per una seconda frittura.

Approfondimento

i segreti per ottenere un sugo degno dei grandi chef

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te