Per vetri di finestre e balconi puliti e brillanti ecco il momento migliore per lavarli contro i fastidiosi aloni

Sono diverse le incombenze da fare ogni giorno in casa. Con l’arrivo del caldo si fa anche più fatica.
Tuttavia la stagione calda è anche quella in cui meglio si notano alcune pulizie. Grazie alla maggior luce solare, tutto ciò che nella casa la riflette, brilla. I vetri prima di tutto. Vediamo allora come far brillare i vetri di casa e come lasciarli senza aloni.

Intanto, con il caldo, certamente alcuni lavori di casa sono più difficili da eseguire. Primo fra tutti lo stiro.
Il ferro a vapore, infatti, non rappresenta la situazione ideale. Si potrebbe allora spostare l’asse da stiro nei pressi di una finestra orientata a Nord. Oppure in una stanza provvista di condizionatore d’aria. Sono 2 soluzioni, che ci permettono di sopportare meglio il calore del ferro a vapore.

Bisogna aggiungere che a volte il ferro non funziona bene. Si comincia a creare una piccola patina sulla piastra bollente, che col tempo si scurisce, diventa appiccicosa e impedisce una corretta stiratura. Capita che, a volte, dai fori non esce più il vapore. La colpa è sempre del calcare che si forma all’interno del ferro. Meglio allora utilizzare un’acqua a basso contenuto di calcare.

Per vetri di finestre e balconi puliti e brillanti ecco il momento migliore per lavarli contro i fastidiosi aloni

A volte i vetri di casa sembrano sporchi a causa di qualche punto, che trascuriamo nelle pulizie. Le fughe dei vetri con l’intelaiatura accumulano spesso sporcizia. Si rischia anche di non farci più caso, ma è sempre là.
Conviene allora disciogliere del bicarbonato di sodio in acqua, per eliminare il problema. Basterà un panno in microfibra imbevuto con la soluzione, per eliminare la sporcizia e ridare pulizia.

Alcuni poi lavano i vetri, ma non gli infissi delle finestre in metallo o legno. Su questi c’è sicuramente della polvere, che va eliminata. Se non lo facessimo, andrebbe a incollarsi al detergente che spruzziamo sui vetri, restandoci attaccata. Ritroveremo così delle tracce a fine pulizia.
Questa operazione è necessaria, per vetri di finestre e balconi puliti e brillanti.

Bisogna anche dire che ci sono alcuni giorni più favorevoli per la pulizia dei vetri. I migliori sono quelli quando il tempo è velato, nuvoloso. In ogni caso, quando non fa molto caldo.
Infatti le alte temperature e il sole che picchia sui vetri non sono adatti. Il motivo è che fanno subito asciugare il prodotto che si utilizza, lasciando tracce al momento invisibili sul vetro. Queste poi, colpite dal sole, formeranno dei fastidiosi aloni. Meglio allora le giornate senza sole.

Una soluzione ecologica

Possiamo utilizzare dell’aceto di vino bianco per pulire i vetri. Lo diluiamo in acqua, in parti uguali, e lo passiamo con un panno di microfibra sui vetri. I gesti circolari aiuteranno ad eliminare la sporcizia. Poi asciughiamo con un altro panno in microfibra. Se l’odore dell’aceto non piace, lo toglieremo con dell’acqua tiepida. Poi asciugheremo.

Ecco dei modi semplici, ma efficaci, per la pulizia dei vetri.

Approfondimento

Basterebbero poche foglioline di questa pianta aromatica per eliminare cattivi odori e insetti e profumare la casa

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te