Per un orto in vaso rigoglioso e super produttivo ci sono due regole fondamentali a cui nessuno pensa mai

Coltivare un orto in vaso nel proprio giardino non è così difficile. Lo diventa se non si seguono alcune regole basilari. Infatti, quando decidiamo di coltivare in vaso degli ortaggi, la prima cosa a cui si pensa è acquistare le piantine. Ma come è importante acquistare le piantine giuste, ben cresciute, ci sono anche altri aspetti alle volte trascurati.

In realtà, in principio bisogna pensare alla preparazione dei vasi e alla posizione in cui andranno messi. Oltre a questo, per un orto in vaso rigoglioso e super produttivo ci sono due regole fondamentali a cui nessuno pensa mai. Scopriamo quali sono e come procedere alla messa a dimora.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

La scelta dei vasi

Come si diceva, la prima cosa è la scelta del vaso giusto. Per avere la soddisfazione di gustare i prodotti della terra piantati con le proprie mani, non è necessario un grande giardino. Tuttavia, ogni pianta ha bisogno del suo spazio vitale. Piantine troppo vicine l’une alla altre non hanno la possibilità di crescere e di dare frutti buoni.

Ecco perché per ogni specie ci saranno delle distanze da rispettare. Ad esempio, i pomodori devono stare a distanza di 40cm l’uno dall’altro, le zucchine almeno 70cm, la metà per lattuga ed erbe aromatiche. Per renderci più semplice il lavoro, invece dei vasi, si possono usare delle cassette di legno più basse ma più larghe.

Per un orto in vaso rigoglioso e super produttivo ci sono due regole fondamentali a cui nessuno pensa mai

Il secondo errore quando si pianta l’orto è non pensare al terriccio. La terra rappresenta il nutrimento per le colture, quindi deve essere un ottimo terriccio preferibilmente biologico. Acquistare un terriccio economico non solo ci farà spendere soldi inutili, ma non ci darà un buon risultato.

Il terriccio deve essere anche già concimato e andrà unito a una parte di sabbia, (circa il 10%) affinché l’acqua dell’irrigazione sia ben drenata. Al fondo dei vasi andrà posizionata dell’argilla espansa o pietrisco. Se non si fa ciò, si rischia che le nostre piante vengano allagate e che le radici ammuffiscano.

Assicuriamoci che la terra che usiamo abbia del concime naturale o stallatico e nutriamola di tanto in tanto con degli avanzi di frutta e verdura. Ecco che con questi semplici consigli avremo un raccolto fantastico e saporito.

Approfondimento

Mai piantare vicini questi ortaggi se non vogliamo che il raccolto sia un fallimento

Consigliati per te