Per avere un assegno di pensione più ricco con il calcolo misto basta fare questa semplice cosa

Andare in pensione significa cambiare il proprio stile di vita radicalmente. E non solo perchè non si sarà più soggetti agli orari e gli obblighi del lavoro ma anche per le diverse entrate mensili. Per molti, infatti, uscire dal mondo del lavoro significa tirare il fiato sugli impegni quotidiani e godersi il meritato riposo dopo una vita di fatica. Per altri, invece, c’è la preoccupazione dell’importo della pensione che nella maggior parti dei casi non eguaglierà l’ultimo stipendio. Per avere un assegno di pensione più ricco, soprattutto per chi ricade nel sistema misto di calcolo, è possibile fare una mossa abbastanza facile.

Il sistema misto di calcolo e come incrementare l’assegno

Il sistema di calcolo misto della pensione è molto particolare e varia in base a quanti anni di contributi sono stati maturati al 31 dicembre 1995. In base al numero di anni versati al 1995, infatti, cambia l’applicazione del sistema retributivo, più conveniente, in questo modo:

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

  • per chi ha meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996 il sistema retributivo è applicato solo fino al 31 dicembre 1995;
  • per chi ha almeno 18 anni di contributi versati prima del 1996 retributivo è applicato fino al 31 dicembre 2011.

Avere oltre 15 anni in più di contributi da conteggiare nel retributivo può essere davvero molto conveniente e fare la differenza sull’assegno.

Per avere un assegno di pensione più ricco con il calcolo misto basta fare questa semplice cosa

Se non si raggiungono i 18 anni di contributi al 31 dicembre 1995, in ogni caso, si può intervenire con il riscatto. A patto che i periodi da riscattare si collochino prima del 1996. In questo modo, infatti, pur sostenendo un onere abbastanza importante, si potrà avere una reale convenienza sull’assegno previdenziale.

Facciamo un esempio pratico. Supponiamo che un lavoratore abbia versato al 31 dicembre 1995, 16 anni di contributi. Il calcolo retributivo si applicherà solo a questi contributi. Ma se riesce a riscattare almeno 2 anni  di contributi prima del 1996 (con il riscatto Laurea, ad esempio) il calcolo retributivo sarebbe applicato fino al 2011. Per tutti i contributi versati fino a quell’anno.

E questo significa avere una pensione con almeno 31 anni di contributi nel sistema retributivo. Soprattutto se le ultime retribuzioni prima del pensionamento sono abbastanza consistenti l’assegno previdenziale si alza non di poco. Andando, di fatto, ad ammortizzare in breve tempo anche il pesante onere sostenuto per il riscatto.

Lettura consigliata

Quale assegno di pensione spetta con uno stipendio di 1.200 euro a 60, 65 e 67 anni

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te