Pensione donna nel 2021 con sconti e senza penalizzazioni, sono 2 le misure

Le donne sono favorite dal nostro sistema previdenziale e ci sono misure che permettono di anticipare la pensione. In particolare, si può accedere alla pensione donna nel 2021 con sconti e senza penalizzazioni, sono 2 le misure.

In effetti, le misure possibili per le donne sono tre, ma una è penalizzante. Poi, due scadono il 31 dicembre 2021, salvo nuova proroga nella Legge di Bilancio.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Il Governo è allo studio sulla nuova riforma pensione che andrà in vigore nel 2022 con l’obiettivo di realizzare una riforma equa e sostenibile. Tuttavia, la riforma pensione verte su 3 proposte, ritenute dall’INPS troppo onerose.

Analizziamo le possibilità per le donne di anticipare l’uscita dal lavoro nel 2021, considerando anche la possibile riduzione dell’assegno.

Pensione donna nel 2021 con sconti e senza penalizzazioni, sono 2 le misure

Tra le pensioni anticipate si annovera l’Opzione Donna che permette l’accesso con 35 anni di contributi e 58 anni di età se lavoratrici dipendenti. Oppure, con 59 anni di età se lavoratrici autonome.

I requisiti devono essere maturati entro il 31 dicembre 2020. Inoltre, la decorrenza della pensione dipende dalle finestre mobili.

Le finestre sono diverse a seconda se lavoratrice dipendente o autonoma. Nello specifico sono così suddivise:

a) 12 mesi dalla maturazione dei requisiti, se lavoratrice dipendente;

b) 18 mesi se lavoratrice autonoma.

Questa misura anche se permette l’uscita dal lavoro 8/9 anni prima, desta molti dubbi perché è penalizzante. E’ possibile consultare qui, la nostra guida su come si calcola l’assegno pensione con Opzione Donna e quanto incide la penalizzazione (un esempio pratico).

Un’altra misura  è l’APE rosa che scade il 31 dicembre 2021. L’ultima data per fare domanda è il 30 novembre 2021 (domanda tardiva).

Possono accedere sia le donne che gli uomini se fanno parte di una delle 4 tutele (disoccupato, caregiver, invalidi o svolgono mansioni usuranti/gravose).

I requisiti richiesti oltre alla tutela, sono 63 anni di età e 30/36 anni di contributi. Le donne hanno uno sconto sul requisito contributivo in base ai figli fino a 2 anni di contributi. Quindi, è possibile accedere a questa misura con un requisito contributivo di 28/34 anni.

Infine, la pensione anticipata che per le donne prevede un requisito contributivo di 41 anni e 10 mesi. Non è richiesto il requisito anagrafico. Questa non ha scadenza e non è penalizzante, infatti, è calcolata come una normale pensione.

Consigliati per te