Oltre alle statine, anche questi alimenti potrebbero ridurre il colesterolo e lo dice la scienza

L’ipercolesterolemia è una delle patologie più diffuse, che colpisce indistintamente sia uomini che donne, e consiste in un’elevata quantità di colesterolo nel sangue rispetto alla norma. L’unico caso in cui non ci sarebbe da allarmarsi è se il livello di colesterolo HDL fosse più alto di quello cattivo.

Infatti, il problema più che altro è rappresentato da alti livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Questo sarebbe rischioso per la salute del cuore, soprattutto se anche i trigliceridi si presentano alla stessa maniera. Eppure, colesterolo cattivo e trigliceridi scenderebbero grazie a questa comune vitamina che preverrebbe l’arteriosclerosi. Il colesterolo cattivo si corregge con un piano alimentare sano ed equilibrato e con l’esercizio fisico, ma per questo consigliamo di rivolgersi al medico.

In commercio vi sono dei farmaci con il compito di contribuire ad abbassare il colesterolo nel sangue e si chiamano statine. Ma i farmaci da soli non aiutano, è necessario accompagnarli con l’alimentazione corretta e un adeguato stile di vita. Ecco perché oltre alle statine, anche questi alimenti potrebbero ridurre il colesterolo e lo dice la scienza.

Steroli e stanoli vegetali

Come sostiene l’Istituto Superiore di Sanità, ad alcuni alimenti sono stati “somministrati” gli steroli e gli stanoli vegetali, delle sostanze capaci di ridurre il colesterolo, e questo è stato scientificamente provato. Ma queste stesse sostanze sono originariamente contenute, in maggioranza, negli olii e nella frutta secca.

Eppure vi sono delle bevande modificate apposta per ridurre il colesterolo: i derivati dello yogurt. Sebbene siano molto utili, non bastano da soli e per questo motivo devono essere accompagnati dalla dieta. In ogni caso, una bottiglietta di yogurt con steroli e stanoli vegetali contiene la stessa quantità di queste sostanze in circa 4 kg di broccoli, in circa 1,5 kg di noci e in circa 7 kg di arance. In ogni caso, quest’ortaggio invernale proteggerebbe da picchi di glicemia e anche di colesterolo.

Oltre alle statine, anche questi alimenti potrebbero ridurre il colesterolo e lo dice la scienza

Sempre l’Istituto Superiore di Sanità precisa che anche le fibre aiuterebbero a ridurre il colesterolo. Queste sono contenute nella verdura, nella farina integrale e i prodotti derivati, nei semi di zucca, nelle patate con la buccia e nei legumi. Ma non solo fibre, anche i grassi insaturi ridurrebbero il colesterolo e questi sono contenuti nel salmone e nel tonno, i quali sono fonte di omega 3 e, come detto poc’anzi, negli olii come quello d’oliva e nella frutta secca, soprattutto nelle noci.

Infine in presenza di colesterolo si potrebbe optare per formaggi magri, come latte parzialmente scremato, yogurt magro, fiocchi di latte per citarne alcuni. Ma consigliamo sempre di rivolgersi al medico per la dieta da scegliere apposita per il colesterolo.

Per quanto riguarda l’attività fisica, potrebbero essere sufficienti 2 ore e mezza a settimana di attività cardiofitness per ridurre ulteriormente i livelli di colesterolo. Anche i metodi di cottura sono importanti e bisognerebbe prediligere la bollitura e la cottura a vapore.

Approfondimento

Altro che broccoli e fagioli, anche questa frutta tanto amata è responsabile delle scorregge terribilmente puzzolenti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te