Non buttiamo via le bucce di pompelmo ma riutilizziamole così per evitare un grosso problema in cucina

Ci sono tanti modi di riutilizzare i cibi ed i loro scarti in casa. Buttare via gli scarti è un peccato perché, utilizzandoli in maniere intelligenti, si possono ottenere risultati sorprendenti.

Oggi ci concentriamo in particolare su un agrume, ovvero il pompelmo, le cui bucce possono avere una grande utilità. Sono particolarmente utili in cucina ed intervengono quando si verifica un comune inconveniente nel momento in cui siamo ai fornelli.  Insomma, non buttiamo via le bucce di pompelmo, cerchiamo invece di riutilizzarle a nostro vantaggio.

L’agrume che può darci una grande mano

Il pompelmo è un grande alleato per varie ragioni. Innanzitutto, è bene consumarne un po’ ogni tanto, perché secondo gli esperti potrebbe fare bene alla salute. Esso infatti permetterebbe di tutelare il sistema immunitario grazie alla vitamina C che contiene. Inoltre combatterebbe infiammazioni e proteggerebbe la salute del cuore, contrastando l’azione del colesterolo. Potrebbe inoltre avere degli effetti antiossidanti e detossificanti. Certo, stiamo attenti, perché anche questo frutto ha i suoi lati negativi.

Insomma, potrebbe essere una buona idea comprendere il pompelmo nella propria dieta, a meno che il medico non consigli altrimenti. In ogni caso, non è solo per le sue proprietà che dovremmo procurarci il pompelmo, e nemmeno per il suo ottimo gusto. Esso può essere utile anche nel momento in cui cuciniamo un tipo ben preciso di cibo.

Non buttiamo via le bucce di pompelmo ma riutilizziamole così per evitare un grosso problema in cucina

Una delle preparazioni più golose che ci siano è il fritto. Si possono friggere tantissimi tipi di alimenti ed il risultato è quasi sempre delizioso. Certo, non si tratta della preparazione più sana che ci sia, ma è un peccato di gola che molti si regalano una volta ogni tanto.

Purtroppo però friggere ha un fastidioso effetto collaterale, ovvero l’intenso odore sprigionato dalla preparazione. Questo odore riempie l’ambiente circostante e si attacca ai vestiti ed è difficile farlo andare via. È qui che la buccia di pompelmo ci viene in soccorso.

Prendiamo una pentola, riempiamola d’acqua e portiamola ad ebollizione. Quando bolle aggiungiamo le bucce di pompelmo ed attendiamo per qualche minuto. Il buon profumo del pompelmo si diffonderà per tutta la cucina, eliminando anche l’odore più intenso di fritto. Allo stesso tempo, la cucina sarà invasa da un piacevole profumo per un bel po’ di tempo. Insomma, è un metodo semplicissimo per risolvere un fastidio molto comune.

Lettura consigliata

Basta buttare le bucce d’arancia o del pompelmo perché sono utilissime in cucina e nell’orto o giardino

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te