Montagne, canyon e spiagge in riva a uno dei laghi più grandi del Trentino

I primi mesi dell’autunno sono di solito destinati alle gite fuori porta in mezzo alle vigne, per godere a pieno delle eccellenze del Belpaese.

Un tour enogastronomico punteggiato da vini bianchi e rossi, mossi o fermi, è quello che ci vuole per affrontare il rientro con la giusta carica.

Ma non dimentichiamo che ci stiamo addentrando a grandi passi anche nella stagione del foliage, che valorizza i colori autunnali.

E quale miglior location dei boschi di montagna per poter ammirare le nuances calde di stagione in tutto il loro splendore?

A tal proposito, potremmo scegliere il Trentino come meta per il prossimo weekend in fuga dalla città, puntando sulla rinomata Val di Non.

Qui troviamo non solo ottime mele, ma anche montagne, canyon e spiagge in riva a uno dei laghi più estesi della regione.

Il lago di Santa Giustina

In realtà, non si tratta di un lago naturale, bensì di un grande bacino artificiale, le cui origini risalgono agli anni Cinquanta del secolo scorso.

Tuttavia, il fatto che sia stato pensato come bacino idroelettrico, non implica che non possa offrire scorci suggestivi e percorsi mirabolanti.

Consideriamo innanzitutto che il bacino si estende per circa 8 chilometri, articolandosi in diversi canyon: un vero spettacolo per gli appassionati di canoa o kayak.

Ma anche chi non è amante degli sport d’acqua, può trovare tutto il relax di cui ha bisogno lungo le sponde del lago.

Montagne, canyon e spiagge in riva a uno dei laghi più grandi del Trentino

Uno dei punti di interesse, a questo proposito, è l’area della Plaze, che ricorda molto una zona di camping.

Un grande parcheggio, anche per camper, e tutto quanto serve per godersi un pomeriggio in riva al lago, ristoranti inclusi.

Non meno attrezzato il lido adiacente, con sabbia fine, sdraio e ombrelloni per approfittare degli ultimi caldi di stagione.

Sentieri e castelli

Chi invece preferisce fare due passi, può scegliere uno dei vari itinerari di varia difficoltà che si snodano attorno al lago.

Tra questi, l’itinerario dell’Anello, attraverso cui raggiungere anche la sezione di canyon, senza dover per forza noleggiare la canoa.

In alternativa, consigliata la visita a Castell Cles, situato in cima ad una collina che dà sul lago e circondato da tantissimi meleti.

Oltre a vantare una posizione paesaggistica di tutto rispetto, vale la pena visitare il castello per ammirare i suoi affreschi cinquecenteschi.

Lettura consigliata

Al lago d’autunno in questi 3 piccoli borghi colorati tra Piemonte e Lombardia

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te