L’INPS pagherà da 150 a 500 euro mensili a questi genitori con figli anche maggiorenni che fanno domanda entro il 31 marzo

Nonostante esistano diverse tutele e agevolazioni fiscali per chi vive situazioni di difficoltà, talvolta queste non bastano, soprattutto quando nella famiglia c’è un figlio disabile. Per questo il nostro legislatore ha previsto la possibilità di ottenere, in determinati casi, un’indennità mensile.

A seconda poi della gravità o della patologia, si possono anche ottenere fino ad 800 euro mensili. Tuttavia, esistono tante situazioni in cui diventa davvero difficile arrivare a fine mese soprattutto qualora il nucleo familiare sia composto da un solo genitore. Per queste situazioni la Legge di Bilancio 2021 ha previsto un contributo mensile per questi genitori per il 2021, 2022 e 2023. L’INPS pagherà da 150 a 500 euro mensili per uno dei genitori disoccupato o monoreddito, con un nucleo monoparentale con figli a carico con disabilità. In particolare la percentuale di disabilità riconosciuta non deve essere inferiore al 60%. Pertanto l’INPS con la circolare n.39 del 10 marzo 2022 fornisce le istruzioni necessarie per la presentazione della domanda.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Come presentare la domanda e i requisiti richiesti

I requisiti richiesti dalla legge per presentare la domanda sono i seguenti:

  • essere residente in Italia;
  • avere un ISEE non superiore a 3.000 euro, qualora via siano minori sarà necessario presentare l’ISEE minorenni;
  • essere disoccupato o monoreddito e facente parte di un nucleo familiare monoparentale;
  • essere parte di un nucleo familiare, come definito ai fini ISEE, dove vi siano figli a carico con disabilità riconosciuta non inferiore al 60%. Si considerano a carico i figli fino a 24 anni se hanno un reddito non superiore a 4.000 euro. Nonché i figli d’età superiore a 24 anni con un reddito non superiore a 2.840,51.

I suddetti requisiti vanno autocertificati e saranno oggetto di verifiche. La non veridicità comporterà la revoca del beneficio, la restituzione di quanto indebitamente percepito oltre alle eventuali sanzioni previste.

La domanda, che ha valenza annuale, potrà presentarsi, in via telematica, dal 1°febbraio al 31 marzo 2022 per ciascuno degli anni 2022 e 2023 mediante:

  • portale web dell’INPS muniti delle credenziali d’accesso SPID, CIE o CNS;
  • Contact Center integrato, telefonando al numero verde 803. 164 o al numero a pagamento 06.164.164;
  • Patronati.

L’INPS pagherà da 150 a 500 euro mensili a questi genitori con figli anche maggiorenni che fanno domanda entro il 31 marzo

Il contributo erogato mensilmente dall’INPS, in caso di accoglimento della domanda sarà pari a 150 euro e sarà riconosciuto da gennaio per l’intero anno. Qualora il genitore abbia due o più figli a carico con disabilità non inferiore al 60% l’importo sarà di 300,00 euro con due figli. Mentre sarà di 500 con più di due figli. Il beneficio sarà erogato entro 90 giorni dal termine ultimo per la presentazione della domanda.

Infine solo per quest’anno il genitore richiedente potrà dichiarare di voler presentare la domanda anche per il 2021, attestando il possesso dei suddescritti requisiti. In tal modo, entro il 2022 saranno pagate tutte le mensilità maturate.

Approfondimento

Soldi dalle Regioni a queste donne che riceveranno dall’INPS 400 euro per 12 mesi a qualunque età con o senza figli

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te