L’Agenzia delle Entrate invia fino a 600 euro di multa a chi non paga a breve questa tassa 

Le spese da pagare in una casa sono davvero tante, a prescindere dai consumi giornalieri, si pensi alle tasse, all’affitto, alle rate e alle bollette. Nonostante le attenzioni per non fare sprechi inutili,le spese sembrano sempre in continuo aumento. Ma se si pensa di risparmiare eludendo la legge, attenzione perché si rischia grosso. Infatti l’Agenzia delle Entrate invia fino a 600 euro di multa a chi non paga a breve questa tassa, ovvero il canone RAI in bolletta. Per di più si rischia anche un procedimento penale.

Infatti nonostante sembrerebbe che il Governo Draghi si sia preso l’impegno di tagliare il canone RAI dalle bollette, nel frattempo questa tassa va pagata. Ma attenzione perché potrebbe semplicemente ripristinarsi la situazione ante 2016, ovvero il relativo pagamento potrebbe essere lasciato all’autonomia dei consumatori. Per non pagare il canone RAI è necessario che ricorrano determinati requisiti. A tal proposito è prevista l’esenzione del canone TV per le famiglie che la guardano sul computer anche con dichiarazione in ritardo.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Ecco quando si può fruire dell’esenzione

Attese le ormai nuove abitudini di tante famiglie, non sono pochi coloro guardano la TV on demand o in streaming. In tal modo si scelgono soltanto i programmi che interessano. Pertanto qualora per guardare i predetti programmi si utilizzi un PC con determinate caratteristiche il canone non sarà dovuto. Ovviamente se lo schermo che guardiamo, magari collegato ad un PC, non è integrato con nessun decoder o tuner digitale, non è una TV. Ma nel caso in cui in casa ci siano detti apparati, se pur si tratta di computer, sarà come se l’avessimo.

La dichiarazione va presentata entro il 31 gennaio dell’anno solare di riferimento a partire dal primo luglio dell’anno precedente. In questo caso l’esenzione varrà per l’intero anno. Mentre se presentata dal primo febbraio al 30 giugno, varrà per il secondo semestre dell’anno. Ma attenzione, perché la dichiarazione di non detenzione ha validità per un solo anno. Quindi allo scadere, se non si ripresenta si presumerà la detenzione con conseguente addebito nella bolletta. Inoltre potranno chiedere l’esenzione anche gli over 75, qualora ricorrano i requisiti richiesti dalla legge. Pertanto, attenzione a non perdere l’opportunità di risparmiare dei soldi perché questo è l’ultimo giorno per ottenere l’esonero del canone RAI per questi contribuenti.

L’Agenzia delle Entrate invia fino a 600 euro di multa a chi non paga a breve questa tassa

L’inserimento del canone in bolletta ha come scopo proprio quello di mettere fine all’elevata evasione inerente questa tassa. Tuttavia, potrebbe accadere che qualche furbetto dichiari di non dover pagare il canone per non possedere il televisore in casa senza che ciò sia vero. In questo caso oltre alla multa di circa 600 si rischia anche un procedimento penale per aver dichiarato il falso. Ovvero il contribuente inviando una falsa dichiarazione al Fisco commette un fatto penalmente rilevante. In particolare si tratta di un falso in atto pubblico che, oltre al procedimento penale, può comportare la pena fino a 2 anni di carcere.

Pertanto attenzione a non correre rischi inutili meglio un piccolo aumento in bolletta che una multa e un procedimento penale.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te