La nomina di Cao come presidente dove porterà le quotazioni di Gas Plus?

La settimana appena conclusasi ha visto un rialzo di circa il 40% sul titolo Gas Plus. Le notizie che hanno spinto al rialzo il titolo sono i conti del primo semestre e la nomina del nuovo amministratore delegato.

Gas Plus nel primo semestre ha registrato ricavi in linea con quelli dello stesso periodo 2020 (41 milioni di euro rispetto a 41,3 milioni di euro), che comprendevano tuttavia componenti positive non ricorrenti per 0,6 milioni. Inoltre la perdita netta di bilancio è stata ridotta a 0,3 milioni di euro contro una rosso di 4,5 milioni di euro dei primi sei mesi dell’anno scorso.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

La novità, però, è la nomina come presidente della società di Stefano Cao, già amministratore delegato di Saipem e dirigente di lungo corso di ENI. Come ha dichiarato l’amministratore delegato di Gas Plus Davide Usberti questa nomina consentirà al Gruppo di avvalersi della sua esperienza internazionale e nel contesto della transizione energetica e della sostenibilità per ulteriormente intensificare i propri programmi di sviluppo.

La nomina di Cao come presidente dove porterà le quotazioni di Gas Plus?

Incominciamo col dire che la crescita è una risorsa sostanziale per l’azienda, come previsto dagli analisti che si occupano del titolo. Entro i prossimi tre anni, si stima che la crescita raggiungerà il 99% entro il 2023.

La raccomandazione degli analisti è comprare con un prezzo obiettivo in linea con le attuali quotazioni.

La nomina di Cao come presidente dove porterà le quotazioni di Gas Plus? La risposta all’analisi grafica

Gas Plus (MIL:GSP) ha chiuso la seduta del 17 settembre a quota 2,97 euro in rialzo del 3,12% rispetto alla seduta precedente.

Time frame mensile

La proiezione di lungo periodo in corso è rialzista e non ha più ostacoli lungo il suo cammino che porta al II obiettivo di prezzo in aera 3,17 euro. Una chiusura di settembre superiore a questo livello aprirebbe le porte a una continuazione del rialzo fino in area 4,14 euro. In quest’ottica sarà decisiva la chiusura di settembre. Da notare che una chiusura mensile inferiore a 2,82 euro potrebbe mettere in crisi lo scenario rialzista. Questo livello, infatti, già in passato ha rappresentato un punto di arrivo dei rialzi e di partenza dei ribassi.

Da notare che a favore dei rialzisti abbiamo i forti volumi in aumento e il segnale di acquisto dello Swing Indicator che potrebbe scattare a fine mese.

gas plus

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te