La fattura elettronica diventerà obbligatoria anche per i forfettari

L’Italia chiederà all’Unione Europea la proroga di tre anni dell’obbligo di emissione della fattura elettronica. Nella stessa richiesta inserirà anche l’allargamento della platea dei soggetti obbligati all’invio telematico delle fatture al Fisco: la fattura elettronica diventerà obbligatoria anche per i forfettari.

L’obbligo di fatturazione elettronica scade il 31 dicembre 2021. Imposizione che riguarda le fatture tra privati. Ossia le operazioni con i consumatori finali, tra partite IVA e con la PA.

L’Italia chiederà alla Commissione Europea l’estensione al 2024 dell’obbligo di fatturazione elettronica. E l’applicazione di tale obbligo anche ai forfettari per diversi motivi.

Come spiegato dal Direttore Generale delle Finanze, Fabrizia Lapecorella, in una recente audizione in Parlamento, in questo modo si limiterebbe innanzitutto l’evasione fiscale. Il Fisco inoltre, facendo rientrare nell’obbligo anche i forfettari, avrebbe un quadro più preciso del fatturato totale prodotto a livello nazionale.

Oggi chi è in regime forfettario deve emettere fattura elettronica?

Chi ha un regime forfettario oggi è escluso dall’obbligo di fatturazione elettronica. Tranne che per le fatture emesse verso la Pubblica Amministrazione e per i corrispettivi telematici.

Se la fattura elettronica diventerà obbligatoria anche per i forfettari, il cambiamento riguarderà circa un milione e mezzo tra ditte individuali, professionisti e lavoratori autonomi.

Questo regime fiscale prevede l’applicazione di una flat tax minima. Che scende ulteriormente per i primi anni nelle nuove attività.

Conviene adottare la fatturazione elettronica?

L’obbligo di invio telematico delle fatture all’Agenzia delle Entrate anche per i forfettari era stato già proposto nell’ambito dell’approvazione della Legge di Bilancio 2020.

Tuttavia, si optò per la soluzione attualmente in vigore. Che non obbliga i forfettari a emettere fatture elettroniche. Ma che prevede un meccanismo di premialità. Tale meccanismo consente, per chi aderisce alla fatturazione elettronica, di ottenere la riduzione di un anno del termine entro cui il Fisco può effettuare accertamenti.

Senza considerare tutti gli altri vantaggi dal punto di vista della semplificazione. Quindi, sussiste una convenienza per i forfettari ad adottare la fatturazione elettronica.

Sembra, in ogni caso, che l’impatto dell’eventuale cambiamento non sia così oneroso. Poiché molti contribuenti forfettari avrebbero già aderito in maniera volontaria alla fatturazione elettronica.

Consigliati per te