In pochissimi la comprano ma questa carne ricca di ferro ha le stesse proteine del vitello e costa 3 volte meno

Gli italiani, e non solo, devono fare i conti con la spesa. Che, a parità di prodotti, costa sempre di più, mettendo in difficoltà le persone. Anche perché stipendi e pensioni non aumentano, a differenza delle tasse e delle bollette. Obbligandoci a fare delle scelte forzate, per far quadrare entrate e uscite, cercando qualche stratagemma per arrivare a risparmiare sulla spesa. Naturalmente, non siamo dei maghi e non possediamo l’abilità di moltiplicare i soldi. A differenza di Re Mida, il nostro tocco non trasforma le cose in oro e occorre inventarsi strategie diverse.

Il costo del vitello e del manzo per molte famiglie è troppo alto

La carne, per i suoi valori nutrizionali, è uno degli alimenti che non può mancare dalle tavole di chi non è vegetariano o vegano. Giovani, adulti, anziani, tutti dovrebbero inserire, nella loro dieta, qualche piatto a base di carne, bianca o rossa. Ad esempio, in pochissimi la comprano ma questa carne ricca di ferro, ai più sconosciuta, ha interessanti valori nutrizionali. E costa poco. La carne rossa dovrebbe essere consumata due volte a settimana, secondo certi studi e consigli, considerando che in 100 g sono contenute, in media, dai 20 ai 24 g di proteine. Ovviamente, il vitello è la carne più ambita da molti, per il suo gusto. Solo che un chilo di filetto di vitello, al giorno d’oggi, pregiato, si aggira sui 35 euro circa. Mediamente, però, le classiche bistecche di vitello le si possono trovare sui 16 euro al chilo.

In pochissimi la comprano ma questa carne ricca di ferro ha le stesse proteine del vitello e costa 3 volte meno

Oppure, in alternativa, compriamo le bistecche di manzo, che sono anche più costose, ma che per molte famiglie rappresentano una sorta di miraggio. Costringendoci ad alternative che non sono altrettanto gustose. Per non parlare della eliminazione da tavola del pezzo di carne. Un errore, perché esiste una carne, ribattezzata, non a caso, “la bistecca del macellaio”, che costa poco ed è gustosa. Si tratta del “pannicolo” e, una volta acquistata e assaggiata, diventerà difficile farne a meno. Anche perché costa davvero poco, 3 o 4 volte meno di vitello e manzo, ed è ricca di ferro e proteine.

In genere, è una striscia sottile con una membrana di grasso che la ricopre. Nella parte finale ha il lombatello, più polposo. Tolta la membrana, ci appare questa carne rossa, con striature di grasso che, sul fuoco, la fanno diventare ancora più saporita. Cucinarla è molto semplice. O alla griglia, ed è spettacolare, o in padella, ricavando delle sorte di braciole alte circa 1,5 o 2 dita. Ci aggiungiamo un poco di sale alla fine e il risultato sarà ottimo. Al limite, va bene anche l’alternativa fatta alla pizzaiola.

Approfondimento

Nessuno lo compra mai ma questo pesce è un’ottima fonte di proteine e vitamine come quelli più pregiati e costa 5 volte meno

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te