In arrivo i tanto attesi contributi per cure termali 2021 e godere di rilassanti soggiorni benessere fino a 280 euro

L’INPS, come ogni anno, anche quest’anno ha indetto il concorso per l’assegnazione di un contributo per cure termali, a favore di queste categorie. I destinatari sono gli iscritti al Nuovo Fondo di Mutualità ex IPOST. Questo concorso, però non è compatibile con quello illustrato nell’articolo “In arrivo contributi dall’INPS per soggiorni estivi a favore di queste categorie, ecco come partecipare”.

I soggiorni termali potranno fruirsi nel periodo compreso tra l’1/6/2021 e il 30/11/2021, e il contributo sarà per sette giorni, anche non continuativi. La Redazione informa che sono in arrivo i tanto attesi contributi per cure termali 2021 e godere di rilassanti soggiorni benessere fino a 280 euro.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Il contributo, infatti, è di un importo pari a 40 euro per ciascun giorno di cura e di pernottamento. La domanda per la partecipazione al bando deve inviarsi entro e non oltre il 21 maggio a mezzo raccomandata a.r. o PEC. Per gli indirizzi, cliccare sul seguente link. Ogni partecipante dovrà inviare la domanda singolarmente.

Anche nel caso di più partecipanti all’interno dello stesso nucleo familiare, dovrà inviarsi una raccomandata o PEC riferita a ciascun partecipante. Nella domanda dovrà indicarsi il codice IBAN del conto corrente bancario o postale intestato al partecipante.

In arrivo i tanto attesi contributi per cure termali 2021 e godere di rilassanti soggiorni benessere fino a 280 euro

Per ricevere il contributo previsto, i partecipanti dovranno produrre entro il 31 dicembre 2021 tutta la documentazione fiscale di spesa, riferita al soggiorno. Nonché originale o copia della dichiarazione di avvenuta fruizione, da parte del beneficiario, delle cure termali prescritte.

Dovrà indicare i giorni o il periodo, su carta intestata dello stabilimento termale. Inoltre, la domanda può rigettarsi qualora manchi la dichiarazione di conformità agli originali delle copie inviate, così come la mancanza di copia del documento d’identità.

Nel caso di più partecipanti, appartenenti al medesimo nucleo familiare, la documentazione di spesa dovrà inviarsi in buste o PEC separate. In alternativa, può essere unica purché intestata a tutti i beneficiari, o intestata ad uno solo, purché nel documento siano indicati tutti gli altri nominativi.

Consigliati per te