Il tacco è giusto! Il parere degli osteopati

Ok il tacco è giusto! Il parere degli osteopati. Ecco  una guida per capire quando il tacco è giusto. Il parere degli osteopati

Non c’è niente da fare! La seduzione femminile, da che mondo e mondo, viaggia sul tacco 12. Un valido alleato, specie per chi sente di aver subìto un ingiusto pregiudizio da madre natura. Va bene che nella “botte piccola c’è il vino buono”, ma se oltre ad essere rotondette, si dovesse pure essere minus quam alte, la tentazione di prendersi una rivalsa è forte. Un business che le aziende calzaturiere hanno intuito, da tempo, sfornando “altezze surrogate” che, a seconda delle stagioni, prendono forme diverse.

OFFERTA SPECIALE - POCHI PEZZI DISPONIBILI
One Power Zoom: i veri occhiali con lenti autoregolabili - Due al prezzo di uno

CLICCA QUI

L’offerta si fa sempre più amplia. Si va dagli aggressivi tacchi a stiletto, alle estive zeppe, fino ai comodi plateau e ai seducenti sandali alla schiava. Insomma ad ogni moderna “schiava” la sua arma di seduzione, per far capitolare il “gladiatore” di turno. Ma quanto costa tutto questo in termini di salute? Per saperne di più, occhio a quando il tacco è giusto! Il parere degli osteopati.

Il rischio che si associa

Gli osteopati non fanno certo mistero dei problemi che possono causare i tacchi vertiginosi. Il rischio che corre chi fa ricorrente uso di tacchi troppo alti, è di spostare involontariamente il baricentro del proprio corpo sulla parte anteriore della pianta del piede. Ciò vale a dire che 12 centimetri di tacco aumentano la curvatura lombare, con conseguenti problemi a cascata sulle articolazioni dei piedi e sulla colonna vertebrale.

In termini più semplici, i tacchi, alzando il tallone, producono uno sbilanciamento del corpo in avanti. Per cui la miss per evitare di cadere, sarà costretta ad effettuare una doppia compensazione: la prima a livello del ginocchio, la seconda a livello della schiena. Quindi, attenzione a maneggiare, con troppa disinvoltura, queste armi di seduzione per evitare che si ritorcano contro.

Ok il tacco è giusto!

Qual è il tacco che piace alla schiena e agli osteopati?

Che fare dunque, se oltre all’uomo, si tiene anche a se stesse? Il destino che si profila all’orizzonte dovrà, per forza, essere di un piattume sconfinato? No tutt’altro. I ricercatori e gli osteopati infatti non  dicono mai di far uso di ballerine o infradito, piuttosto di prediligere dei tacchi cosiddetti medi. E’ stato infatti dimostrato che un tacco di due-tre centimetri può aiutare a raggiungere una migliore postura per la colonna vertebrale. Un ausilio che, in un sol colpo, valorizza silhouette e combatte il sempre più diffuso mal di schiena.

Una notizia, questa, che forse non entusiasmerà le fans dei tacchi 12, ma per “indorare la pillola” va fatta menzione anche di un’altra cosa. Sono sempre gli steopati a dire che indossare un tacco 12 non significa guadagnare 12 centimetri. Questo perché la postura tende ad inclinarsi in avanti. Quindi anziché rischiare di incedere per le vie con quell’odioso effetto basculante, perché non ricordare che la seduzione si nutre anche di altro? Personalità inclusa.

 

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te