Il rischio di demenza negli anziani aumenterebbe quando i battiti cardiaci a riposo superano questa soglia

Le malattie neurodegenerative sono ancora una zona grigia della medicina. I medici ancora non sanno per certo cosa sia a causarle, né come debellarle. Tra le malattie che colpiscono il cervello, le più temute e diffuse sono senza dubbio Alzheimer, Parkinson e demenza senile. Il termine demenza, a dire la verità, racchiude un insieme di vari sintomi concernenti il declino cognitivo degli anziani. Secondo le stime, solo in Italia sarebbero circa un milione le persone a soffrire di demenza. Per questo, la ricerca sta spingendo molto per comprendere come prevenire e curare questa malattia del cervello.

Un passo avanti arriva da un recente studio, condotto presso il Karolinska Institutet di Stoccolma. Secondo i ricercatori il rischio di demenza negli anziani aumenterebbe quando i battiti cardiaci a riposo superano questa soglia. La ricerca in questione, dunque, avrebbe scoperto un importante legame tra frequenza cardiaca e demenza. Così facendo, avrebbe trovato un modo per presagire in anticipo la malattia.

Il rischio di demenza negli anziani aumenterebbe quando i battiti cardiaci a riposo superano questa soglia

Risale a poco tempo fa la pubblicazione sulla rivista Alzheimer’s & Dementia dello studio che lega frequenza cardiaca e demenza senile. I ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma hanno cercato di determinare la relazione tra frequenza cardiaca a riposo e declino cognitivo negli anziani. Lo studio ha preso in esame un campione di 2.147 pazienti, tutti di età superiore ai 60 anni. I ricercatori hanno seguito i membri del campione per due periodi: dal 2001 al 2004 e dal 2013 al 2016.

Stando ai dati rilevati dai ricercatori, una frequenza cardiaca a riposo troppo elevata può essere spia di un rischio più alto di demenza. In particolare, i rischi di demenza aumenterebbero quando la frequenza cardiaca a riposo supera la soglia di 80 battiti al minuto.

Una frequenza cardiaca troppo alta aumenta i rischi di declino cognitivo anche senza malattie cardiovascolari

I ricercatori hanno asserito che, con frequenza cardiaca a riposo superiore a 80, il rischio di declino cognitivo negli anziani è più elevato. Ma lo studio sottolinea anche un altro aspetto.

Secondo i dati, il rischio di demenza senile, in caso di frequenza cardiaca a riposo così alta, è indipendente dalla presenza di alte malattie cardiovascolari.

Stando alle parole dei ricercatori, lo studio può essere molto importante perché può aprire nuove vie alla prevenzione di demenza e malattie neurodegenerative in generale.

Lettura consigliata

Ecco l’attività che allena muscoli e cervello prevenendo le cadute negli anziani e rallentando il decadimento cognitivo

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te