Il re dell’inverno aiuta a combattere l’invecchiamento

Per combattere l’invecchiamento si deve partire da cosa serviamo in tavola. Sono tanti i cibi che portano benefici alla salute. Rendono più forti e in salute. Ma oggi parleremo del re dell’inverno per eccellenza. Se non è già sulle nostre tavole, ecco un buon motivo per correre a comprarlo.

Il re dell’inverno aiuta a combattere l’invecchiamento

Stiamo parlando del piccolo agrume d’inverno preferito da tutti. Il mandarino. Questo agrume viene chiamato tardivo perché matura proprio in questo periodo, tra dicembre e gennaio. Il suo sapore è fresco e più dolce dei suoi parenti più stretti.

Ma non è solo buono, il mandarino contiene molti antiossidanti. Ma tra questi sicuramente quello più chiacchierato in questo periodo è la naringenina, un flavonoide che può aiutare nella modulazione del sistema immunitario. Non bisogna dimenticare la vitamina C, che si sa aiuta a prevenire i sintomi influenzali, ma contribuisce anche alla sintesi del collagene. Per non parlare della esperidina che aiuta la circolazione, rinforzando i vasi sanguigni. Ma contiene anche Vitamina B e boro. Utili al benessere del sistema nervoso, che regolano gli stati di ansia e stress, riducendoli.

Bere una spremuta di mandarini o mangiarne almeno un paio la mattina è un toccasana. Aiutano a sgonfiarsi e depurarsi. Essenziale dopo le abbuffate del periodo natalizio. Ma anche per depurare l’organismo dopo una cura a base di antibiotici o cortisonici.

In sostanza, si può dire che i mandarini fanno molto bene alla salute. Ma il loro potere anti età non è molto conosciuto. Recenti studi hanno dimostrato come il re dell’inverno aiuta a combattere l’invecchiamento. Può infatti migliorare la qualità della vita, nonché la sua durata, grazie alla riduzione di stati ansiosi e stress.

E non è necessario ricercare chissà dove il segreto dell’eterna giovinezza. È facilmente reperibile e si può trovare in tutte le tavole. Meglio quindi farne scorta in questi mesi. E attenzione a non buttarne le bucce, sono ottime per un infuso.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te