Il dolcificante non farebbe male, ma ecco cosa dice una ricerca

Il caffè espresso, soprattutto in Italia, è un rituale. Lo si prende a casa, al bar. Un po’ perché piace, un po’ perché si pensa possa dare la carica e a volte anche solo per convivialità.

Che si tratti di abitudine o contingenza, non fa differenza. Può, però, capitare che alla fine della giornata ne consumiamo diversi.

Lasciando da parte i discorsi relativi alla sola questione caffè e focalizzandosi sullo zucchero, è bene precisare alcune cose

Il dolcificante non farebbe male, ma ecco cosa dice una ricerca

A molti piace il caffè amaro e lo consumano così. Fanno anche bene. Altri, invece, pensano che evitando di consumare lo zucchero (semplice o di canna) per il caffè possano ottenere benefici dal punto di vista del monte calorico. E può anche essere così se i caffè della giornata sono diversi.

Preferire il dolcificante, invece, potrebbe essere controproducente per chi vuole stare in forma. Ed è vero che ha meno calorie, ma una ricerca di cui parla la Fondazione Veronesi sul proprio sito dice una cosa importante.

I test

I test condotti dall’Università di Sydney hanno evidenziato che degli animali con una dieta comprendente i dolcificanti hanno finito per mangiare molto di più. Nel caso dei moscerini della frutta si arrivava al 30% in più, tendenza confermata anche dai topi. Questi, che sono mammiferi come l’uomo, hanno finito per ingrassare.

Ci sarebbero, secondo quanto riportato, dei meccanismi che porterebbero chi assume dolcificanti ad avere più fame. Si tratta di una conseguenza che potrebbe rendere più difficile la vita di chi rinuncia allo zucchero per consumare meno calorie. Anche perché, se lo fa con questo obiettivo, è logico che lo faccia con l’ambizione di stare in forma o dimagrire.

No a falsi allarmi e a credenze sbagliate

In base a quanto evidenziato si spiega che sarebbe, dunque, meglio limitare gli zuccheri semplici. Tuttavia, non si dovrebbe andare alla ricerca di un escamotage per sostituirli. Dunque il dolcificante non farebbe male, ma prestiamo sempre attenzione.

Gli esperti sottolineano comunque come i dolcificanti restino alimenti che “paiono sicuri”, essendo spesso oggetto di approfondimenti. E le quantità che si trovano nelle bevande sono al di sotto dei livelli di guardia.

Come spesso accade, dunque, è fondamentale non fare scelte senza perdere di vista l’equilibrio. Meglio, inoltre, sempre rivolgersi ad un nutrizionista se si ha l’esigenza di perdere peso. Così come è sempre opportuno chiedere al proprio medico se si hanno dubbi.

Bisogna, però, stare attenti al “sentito dire”. Quello che, ad esempio, potrebbe portare ad immaginare che per dimagrire ci sarebbero dei cibi da evitare a cena.

Lettura consigliata 

Tiroide ed aumento o perdita di peso, la relazione che potrebbe esserci

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te