I tre segreti degli atleti per camminare nel modo giusto dimagrendo velocemente e senza mai rischiare di annoiarsi

Stare in forma non vuol dire solamente vedersi bene allo specchio. Certo, questa è una parte piuttosto importante, e probabilmente quella che spinge la maggior parte delle persone a lavorare sodo per dimagrire. Ma rientrare nel proprio peso forma significa anche molto altro. Prima fra tutti, ovviamente, la questione legata alla salute. Essere in sovrappeso infatti può portarci diversi problemi, oltre che a renderci fragili e più deboli anche in caso della comparsa di altri disturbi.

Un ottimo metodo

Per perdere peso, o anche mantenerlo, come sappiamo esistono infiniti modi. Molti scelgono quello di correre o, in alternativa, di camminare per strada. Facendo delle passeggiate a ritmo sostenuto. Quest’ultima in particolare si rivela un’ottima idea e, soprattutto, un’ottima tecnica per svolgere attività fisica e non condurre una vita sedentaria. A questo proposito quindi, oggi vogliamo svelare tre preziosi consigli per fare questa attività nel migliore dei modi. Vediamo quali sono.

I tre segreti degli atleti per camminare nel modo giusto dimagrendo velocemente e senza mai rischiare di annoiarsi

Se nel calcio, nel basket e in altri sport dobbiamo imparare prima le basi per poterli poi praticare, ovviamente quando si tratta di camminare le cose cambiano. Difatti sappiamo benissimo come fare, non a caso è una delle prime cose che impariamo da bambini. Eppure, per far sì che quest’attività sportiva riesca a dare dei risultati soddisfacenti, è comunque necessario conoscere qualche trucco. In primis per fare correttamente tutti i movimenti e, in secondo luogo, per non rischiare di rinunciare troppo presto a causa della noia o della demotivazione. Vediamo dunque i tre segreti degli atleti per camminare nel modo giusto dimagrendo velocemente e senza mai rischiare di annoiarsi. Innanzitutto parliamo delle braccia. Non tutti ci pensano ma queste rappresentano una parte fondamentale della camminata, e per questo dobbiamo ricordarci di allenare anche loro.

Infatti insieme ai piedi anche le braccia dovrebbero muoversi oscillando avanti indietro, così da ottenere il giusto equilibrio e, come abbiamo detto, per permettere anche ai muscoli superiori di lavorare. In seguito occupiamoci delle giuste distrazioni, ovvero di cosa ascoltare. È molto importante distrarsi e trovare le giuste vie di fuga per non far diventare la camminata monotona. E in questo, più che la musica, ci possono venire incontro i podcast, ovvero trasmissioni solo da ascoltare in cui si parla di attualità, politica, o di qualsiasi argomento possa interessarci. Ultimo, ma non per ordine di importanza, il percorso. Impegniamoci al fine di non fare sempre lo stesso giro, perché anche se pensiamo non possa annoiarci, con il tempo lo farà. Solamente cambiando percorso, o meglio ancora aggiungendo metri ogni settimana, riusciremo a rendere l’attività meno monotona e più stimolante.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te