Ecco la percentuale di invalidità nel 2022 per chiedere la pensione all’INPS o l’esenzione dal ticket sanitario

L’articolo 38 della Costituzione italiana sancisce a caratteri cubitali il diritto alla tutela degli ultimi e degli inabili. Il testo afferma: “Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all’assistenza sociale. […] in caso di infortunio, malattia, invalidità  e vecchiaia, disoccupazione involontaria”.

Dunque, alcune casistiche per le quali è possibile accedere all’assistenza sociale sono previste dalla stessa Carta Costituzionale. Tuttavia, i benefici variano in base al grado di invalidità. Al loro aumentare cresce il ventaglio e l’intensità dei sostegni a cui si ha diritto per legge. In particolare, ecco la percentuale di invalidità nel 2022 per avere diritto ai vari sostegni economici.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Chi può accedere all’invalidità civile?

Vediamo innanzitutto quali sono le categorie di soggetti che possono accedere alla protezione dell’invalidità civile. Secondo l’ordinamento, vi rientrano i mutilati e gli invalidi civili, i sordi e i ciechi, gli affetti da talassemia e drepanocitosi.

Ricordiamo che il termine drepanocitosi fa riferimento a una particolare forma di anemia emolitica cronica. La caratteristica è legata alla produzione di globuli rossi anomali, a forma di falce.

Ecco la percentuale di invalidità nel 2022 per chiedere la pensione all’INPS o l’esenzione dal ticket sanitario

Quali sono i benefici riconosciuti in base alla percentuale di invalidità? Abbiamo:

Dunque, per il riconoscimento della qualifica di invalido civile occorre una soglia minima del 33% di riduzione permanente della capacità lavorativa. Gli uffici medici preposti a tali accertamenti fanno riferimento a una tabella approvata dal Ministero della Salute del 5 febbraio del 1992.

Uno sguardo alle prestazioni economiche erogate dall’INPS

Il riconoscimento dell’invalidità civile prevede un iter preciso. Quest’ultimo porta all’accertamento del grado di invalidità, la cecità civile, la sordità la disabilità e l’handicap. Se il grado d’invalidità è tra il 74% e il 100%, o in caso di riconoscimento di sordità o cecità, l’INPS verifica i dati reddituali e socio-economici del richiedente.

L’analisi congiunta della situazione sanitaria e reddituale del richiedente porta l’Istituto di Previdenza a riconoscere precise prestazioni economiche. Per gli invalidi civili abbiamo:

A beneficio dei ciechi civili abbiamo:

  • la pensione per i ciechi assoluti;
  • la pensione per i ciechi parziali;
  • l’indennità speciale;
  • l’indennità di accompagnamento.

Infine per i sordi è prevista:

  • la pensione;
  • l’indennità di comunicazione.

Approfondimento

Ecco quanto si prende di assegno unico con ISEE fino a 15.000 euro e una famiglia con 1 o 2 e 3 figli.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te