Ecco i pericoli ai quali esponiamo i nostri figli quando cucinano per gioco

Cucinare è una bella esperienza a tutte le età. Si inizia cucinando per gioco con la mamma o con la nonna. E poi ci si ritrova a seguire con passione le imprese televisive dei grandi chef o a sbirciare quotidianamente le ricette di cucina sul sito di ProiezionidiBorsa.

Ma se vogliamo insegnare a cucinare ai nostri figli, attenzione ai pericoli ai quali li esponiamo avvicinandoli ai fornelli. Ci sono regole di sicurezza molto importanti da rispettare. Ce le ricordano gli Esperti di ProiezionidiBorsa.

Attenzione agli oggetti infiammabili

Ecco i pericoli ai quali esponiamo i nostri figli quando cucinano per gioco. Non bisogna mai lasciare oggetti infiammabili vicino ai fornelli, come rotoli di carta da cucina, confezioni di alimenti in carta e cartone, presine di tessuto.

Sembrano banalità, ma quando si cucina coi i figli, dobbiamo ricordare che loro non compiono azioni automatiche, ai fini della sicurezza. Ci dobbiamo pensare noi.

Tra gli oggetti infiammabili, di cui ci ricordiamo meno, ci sono gli abiti e i capelli. Bisogna mettere grembiuli di tessuti ignifughi sugli abiti. Ed evitare che i figli si accostino ai fornelli con abiti dalle maniche, o dai colletti, svolazzanti. Infine, è sempre importante proteggere i capelli, legandoli, oppure mettendo sulla fronte un foulard, o un berretto, con la visiera sulla schiena.

Ecco i pericoli ai quali esponiamo i nostri figli quando cuciniamo per gioco

I manici delle pentole devono sempre essere rivolti verso l’interno del piano cottura. I ragazzi si muovono più impulsivamente degli adulti.

Dunque, è facile per loro urtare il manico di una pentola che spunta all’esterno del piano cottura. E ritrovarsi con il contenuto della pentola che si rovescia addosso.

Non c’è bisogno di descrivere le gravi ustioni causate dall’arrivo di un’onda bollente sulla pelle.

Imparare da piccoli a utilizzare i coperchi

L’utilizzo del coperchio piace poco agli adolescenti, che si divertono di più a vedere cosa sta succedendo nella pentola. Ma quando si preparano cibi instabili come la polenta o il pollo e le patatine fritte, l’uso del coperchio è fondamentale per ripararsi dagli schizzi bollenti e garantire la nostra sicurezza.

Quando si comincia a cucinare con i figli, è consigliabile sostituire i coperchi in metallo con quelli trasparenti in vetro, che consentono di sorvegliare le cotture in tutta sicurezza.

Nella malaugurata ipotesi di schizzi bollenti sulle mani, metterci subito sopra un pezzo di burro e coprire. Poi andare a comprare pomate, o garze, a base di fitostimoline. Spalmare sulla parte ustionata e tenere coperto con una fasciatura per qualche giorno, cambiando la garza e rinnovando la medicazione.

Consigliati per te