Ecco i migliori trucchi per avere vetri senza aloni sempre puliti e splendenti

Tra le incombenze nella pulizia di casa, quella dei vetri rimane una delle meno gradite. È un lavoro lungo, fastidioso, che richiede attenzione e precisione per evitare di perdere tempo con risultati per nulla buoni. Il problema principale di solito sono le macchie d’acqua che rimangono a formare quei fastidiosi e antiestetici aloni. Niente di peggio di trovarsi con un vetro che sembra pulito ma che poi in controluce rivela tutte le sue imperfezioni. Allora ecco i migliori trucchi per avere vetri senza aloni, partendo proprio da cosa fare all’inizio.

Anzitutto è fondamentale avere campo libero prima di iniziare con i lavori. Che siano infissi o vetrinette, bisogna togliere di mezzo qualsiasi impiccio che potrebbe creare fastidio. Un passaggio fondamentale che molti ignorano è che prima bisogna spolverare accuratamente le cornici dei vetri. Si può usare uno spolverino morbido in microfibra o lavorare d’olio di gomito con un buon panno che tolga ogni residuo. Con questa operazione si eviterà che la polvere, quando si andrà a pulire il vetro, faccia danni e rovini i cristalli.

Ecco i migliori trucchi per avere vetri senza aloni sempre puliti e splendenti

Bisogna stare particolarmente attenti ai tipi di infissi che si andranno a pulire. Il legno, per esempio, non richiede alcun tipo di detersivo. Anzi, sarebbe meglio evitarli del tutto. Meglio un panno umido, ben strizzato in modo che non faccia passare umidità sul legno. Quando si tratta invece di PVC si può usare uno sgrassatore leggero. Per il vetro in sé, è perfetto il detersivo per piatti diluito con un po’ d’acqua tiepida. Se gli infissi sono particolarmente rovinati, si può usare una soluzione di acqua con 3 cucchiai d’acqua ossigenata e un paio di bicarbonato. Mai dimenticare che la microfibra è un ottimo tessuto per questo tipo di lavoro, che pulisce e toglie macchie senza graffiare né rovinare niente.

Come pulire e far brillare i vetri

Aceto e sapone sono ottimi prodotti da versare in acqua per creare delle miscele con cui pulire i vetri. Bastano 100 ml di aceto per mezzo litro d’acqua calda, oppure un cucchiaio di sapone liquido sempre in mezzo litro d’acqua calda. Ottimo anche il detersivo per piatti. Non tutti sanno, però, che per rendere brillanti i vetri e sgrassarli basta usare una patata tagliata a metà.

Strofinandola sul vetro dalla parte piana, si risciacqua poi dopo con acqua calda e il vetro sarà come nuovo: e senza aloni. Attenzione a questi errori: mai usare i detersivi senza diluirli in acqua. Niente spugne o panni abrasivi per evitare graffi. Vietati anche carte assorbenti e simili: meglio una vecchia maglietta se proprio non si può usare la microfibra. E un ultimo grande segreto: i vetri si lavano con acqua calda, mai usare l’acqua fredda!

Lettura consigliata

3 segreti per pulire i vetri sporchi dell’auto senza lasciare aloni

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te