Ecco i comportamenti sbagliati che mettono a rischio il cuore e possono causare l’infarto

Spesse volte i consulenti di ProiezionidiBorsa hanno sottolineato che oltre a seguire un regime alimentare sano, è importante l’attività fisica, a tutte le età. Pertanto chi desidera una vita longeva e serena non dovrà assolutamente astenersi da un’alimentazione equilibrata e uno stile di vita corretto. Infatti “Chi ha 60 anni deve fare questa attività per allontanare l’Alzheimer e l’invecchiamento celebrale”.

Se come attività fisica siamo dediti alla corsa è importante ascoltare il nostro corpo, soprattutto il nostro cuore, senza rischiare di metterlo sotto sforzo. Ancor di più se si verificano determinati episodi, come consigliato nell’articolo “Attenzione, battiti superiori a 90 e cuore che impazza a riposo aumenta questo rischio”. A volte, tuttavia, il desiderio di superare i nostri limiti o di perdere peso a tutti i costi, può indurci a comportamenti sbagliati. Ed ecco i comportamenti sbagliati che mettono a rischio il cuore e possono causare l’infarto. Ovvero convinzioni e comportamenti sbagliati che mettono a repentaglio seriamente la nostra salute.

Ecco i comportamenti sbagliati che mettono a rischio il cuore e possono causare l’infarto

Molti infatti sono convinti che più si suda più si dimagrisce, ma non è così. Quando si suda si perdono unicamente liquidi e sali minerali. Mentre i liquidi si recuperano bevendo, i sali minerali devono integrarsi, soprattutto se l’alimentazione seguita non è corretta. Se correre è un’ottima abitudine, farlo con impermeabile, maglione, tute dimagranti, in estate, è deleterio e si rischia di mettere il cuore sotto sforzo.

In questo modo il nostro corpo, messo sotto sforzo, non riesce a smaltire il caloreInoltre avvertiamo maggiormente la fatica durante un allenamento che, a questo punto, è del tutto inutile perchè non ci porta i vantaggi sperati. Anzi, potrebbe addirittura rivelarsi pericoloso per la nostra salute. Questo perchè sul fronte del dimagrimento non ha alcun effetto. Si rischia, invece, la disidratazione che può portare, a sua volta, un colpo di calore. Ovvero la temperatura corporea può superare 40 gradi, con conseguenze anche fatali, ad esempio perdita di conoscenza se non addirittura un infarto.

Il consiglio? In estate, evitare le ore più calde, mantenersi idratati prima durante e dopo la corsa, indossare capi traspiranti e di colore chiaro. E infine, divertirsi, senza prendersi troppo sul serio e senza correre rischi inutili.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te