Ecco cosa fare per evitare di rovinarsi le ferie se la camera prenotata per le vacanze risulta sporca

È tempo di vacanza. Finalmente abbiamo la possibilità di goderci il meritato riposo a mare, in montagna o nel luogo che più ci piace.

Arrivare quindi nel posto scelto e trovare sporca la camera che dovrà ospitarci è davvero poco piacevole!

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 14,25%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Ecco allora cosa fare per evitare di rovinarsi le ferie se la camera prenotata per le vacanze risulta sporca.

Bisogna innanzitutto tenere presente una cosa! Nel momento in cui facciamo una prenotazione alle condizioni dettate dall’albergo, sottoscriviamo con lo stesso un contratto.

Questo contratto stabilisce che il titolare della struttura si impegna nel fornire il servizio di alloggio in una stanza. Garantendo altresì la pulizia, l’igiene e la sicurezza.

Dal canto suo, chi prenota, si impegna a pagare il prezzo pattuito.

Ma che succede se arrivati sul posto la stanza a noi assegnata risulta essere sporca?

Partiamo dal presupposto che abbiamo tutto il diritto di pretendere che il titolare dell’albergo intervenga in qualche modo.

Il consiglio, come in qualsiasi controversia, è di partire sempre con le buone maniere.

Fatto presente quindi l’inconveniente, il personale dell’albergo potrebbe o farci ripulire la stanza oppure assegnarcene un’altra in condizioni soddisfacenti.

E se ciò non accade?

Ecco allora cosa fare per evitare di rovinarsi le ferie se la camera prenotata per le vacanze risulta sporca.

Qualora il personale dell’albergo e con esso anche il direttore non dovessero provvedere al cambio, conviene fare subito delle foto.

In tal modo avremo la prova di ciò che abbiamo trovato in camera.

A quel punto non resta che chiedere il rimborso di quanto versato.

In caso di diniego, non rimane che denunciare l’accaduto, allegando alla denuncia le foto scattate appena arrivati in albergo.

E se la vacanza era stata organizzata da una agenzia di viaggi?

In questo caso appena rientrati e nel termine massimo di 10 giorni, è necessario inviare una lettera raccomandata di reclamo. Con la stessa infatti spiegheremo l’accaduto allegando la documentazione comprovante le nostre ragioni.

Quindi le foto scattate in camera e la eventuale denuncia già fatta in questura.

Dinanzi alla evidenza delle cose, conviene a chi ha organizzato il viaggio trovare subito un accordo. In caso contrario con l’assistenza di un legale daremo impulso ad un giudizio per richiedere il risarcimento del danno subito.

È infatti regolarmente prevista dalla legge la fattispecie del risarcimento danno per vacanza rovinata!

Approfondimento

Ecco la calzatura ideale per l’estate 2021 versatile e perfetta da sfoggiare sia per la città che per la spiaggia

Consigliati per te