Ecco come si potrebbe trarre vantaggio dall’attività fisica con poco sforzo e senza essere grandi sportivi

Aver cura della propria salute e del proprio corpo è un’azione fondamentale. Come le altre specie anche noi tendiamo a preservare noi stessi e a evitare di stare male. Per farlo ci sottoponiamo a controlli medici, assumiamo farmaci e cerchiamo di avere un’alimentazione equilibrata: sembra assurdo ma mangiare potrebbe aiutarci a non ingrassare in questo determinato caso. Ma come tutti sappiamo, per il nostro benessere risulta importante e necessaria anche l’attività fisica. A volte però non ci rendiamo conto che ne sarebbe sufficiente meno di quanta pensiamo. Infatti ecco come si potrebbe trarre vantaggio dall’attività fisica con poco sforzo e senza essere grandi sportivi.

L’attività fisica

Secondo l’Oms gli adulti dovrebbero svolgere almeno 150 minuti di attività aerobica. O, in alternativa, un paio di sessioni di esercizi di rafforzamento muscolare di 75 minuti settimanalmente. Superare le quantità minime consigliate però contrasterebbe maggiormente malattie croniche come quelle metaboliche, come riportato dalle linee di indirizzo sull’attività fisica del Ministero della Salute.

Vi ritroviamo anche un concetto importante che bisogna tenere tutti presente. È attività fisica qualunque movimento coinvolga il sistema muscolo-scheletrico e che sia in grado di consumare più energie rispetto allo stato di riposo.

Ecco come si potrebbe trarre vantaggio dall’attività fisica con poco sforzo e senza essere grandi sportivi

Essere attivi è importante per il proprio benessere. Per coloro che non lo sono le linee del Ministero della Salute raccomandano anche una dose minima di attività, come 60 minuti a settimana. Ne potrebbero già trarre benefici per la propria salute. Perfino esercizi a bassa o moderata intensità potrebbero già ridurre i rischi di mortalità.

Ma oltre a essere attivi per stare meglio bisognerebbe anche sconfiggere la sedentarietà.

Oggigiorno quasi tutti siamo sedentari, svolgiamo la maggior parte delle attività seduti. Stiamo seduti al pc, a guardare la tv, col cellulare, a leggere ecc…

Per uscire da questa condizione dannosa basterebbe seguire i consigli emanati dal Ministero.

Sarebbe necessario usare le pause attive, ossia alzarsi ogni 30 minuti e muoversi per 2-3 minuti. Fare delle brevi camminate o esercizi a corpo libero sul posto, come piegamenti sulle gambe, effettuabili semplicemente alzandosi e risedendosi. Importante quindi non stare tutto il tempo seduti ma anche semplicemente alzarsi di tanto in tanto. Le pause attive infatti comporterebbero vantaggi nel tenere sotto controllo il valore della glicemia, ossia la concentrazione di glucosio nel sangue, per quanto concerne le malattie metaboliche.

Approfittare di tutte le occasioni che si presentano quindi per fare movimento, come nelle faccende domestiche. Altre occasioni potrebbero essere prediligere le scale all’ascensore o ancora, dove possibile, recarsi nei posti in bici o a piedi invece di usare l’auto.

Con poche e semplici attenzioni insomma potremmo ottenere già dei benefici per la nostra salute, uscendo dall’inattività e dalla sedentarietà.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te