Ecco come aggiustare il condizionatore fai da te se non si accende o non raffredda in modo economico e veloce

L’estate è la stagione sia di condizionatori che di ventilatori. Prima di attivarli dobbiamo sicuramente fare un’attenta pulizia di entrambi. Questo non solo per accertarci che funzionino correttamente, ma anche per evitare che si diffondano germi e batteri. Pronti per affrontare l’afa, accendiamo il condizionatore al massimo.

Potremmo, però, incontrare dei problemi. Un po’ dati dai mesi di fermo, un po’ anche per l’usura, i condizionatori potrebbero non funzionare per qualche motivo. Prima di chiamare un tecnico e spendere una fortuna, proviamo a vedere se possiamo rimediare da soli. Ecco come aggiustare il condizionatore fai da te, nel caso in cui i problemi siano di piccola entità.

Mancanza di pulizia

Il primo problema che possiamo incontrare è un condizionatore che si accende ma non raffredda. In questo caso potrebbe essere un problema di filtri. Se non li abbiamo accuratamente puliti e fatto le dovute manutenzioni, potrebbero essere intasati. Spegniamo il condizionatore, stacchiamolo dalla corrente e procediamo a smontarli. Laviamoli con cura, meglio se con un detergente apposito e lasciamoli asciugare. Appena saranno completamente asciutti, montiamoli.

Se non si accende il display, controlliamo che l’apparecchio sia correttamente collegato alla corrente. Se tutto è corretto, un’altra motivazione potrebbe essere un guasto del telecomando. Verifichiamo che sia quello il danno, accendendolo manualmente dall’apparecchio stesso.

Se la mancata accensione non è data né dal telecomando né dalla presa di corrente, potremmo avere dei guasti tecnici. La prima ipotesi è quella di un fusibile saltato. La parte interessata è elettronica e si può verificare utilizzando un multimetro. Questo apparecchio emetterà un segnale acustico se i fusibili sono funzionanti. In caso contrario, è meglio chiamare un tecnico, essendo una parte delicata.

Ecco come aggiustare il condizionatore fai da te se non si accende o non raffredda in modo economico e veloce

Un’altra ragione potrebbe essere la mancanza di gas all’interno. Se è per colpa di una perdita, lo noteremo dalle macchie presenti sulla parete. Anche in questo caso, individuato il problema, è consigliato un tecnico.

Anche il condensatore potrebbe essere una delle cause della mancata accensione. Possiamo utilizzare il multimetro anche per individuare questa problematica. Se l’apparecchio emette un suono intermittente allora il motore potrebbe solamente risultare sporco. Possiamo pulirlo facilmente noi stessi, alzando il coperchio. Eliminiamo tutta la polvere depositatasi al suo interno e togliamo eventuali detriti. Rimontiamo il tutto e proviamo ad accendere. Se ancora non funziona, potrebbe essere necessario sostituirlo.

Infine, l’ultimo problema guasto potrebbe essere un blocco del termostato. Ci basterà modificare le impostazioni necessarie sul pannello di gestione. Il termostato, infatti, controlla l’intero apparecchio e il suo mancato funzionamento potrebbe fermare l’accensione del condizionatore. Se non ci sentiamo sicuri della ragione del mancato funzionamento, però, rivolgiamoci sempre ad un esperto.

Lettura Consigliata

Non solo bicarbonato e aceto per togliere la ruggine da cancelli e vestiti, ma questi rimedi naturali ed economici

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te