È un concentrato di proteine e fosforo questo pesce dei poveri che fa bene anche alle tasche

Oltre alla frutta ed alla verdura, anche il pesce ha una propria stagionalità. Anche se è possibile trovare tutto l’anno pesce congelato, affumicato o confezionato, ogni tanto bisognerebbe consumare del pescato fresco.

Infatti, rispettare i cicli naturali del mare, significa non solo portare a tavola prodotti freschi e di qualità, ma anche rispettare l’ambiente.
In questo periodo, nel banco dei pesci freschi, possiamo trovarne uno davvero economico e salutare, ma che molti però snobbano.

Infatti, è un concentrato di proteine e fosforo questo pesce dei poveri che fa bene anche alle tasche

Uno dei pesci più diffusi ed economici dei nostri mari è il cefalo, o anche detto muggine. Può vivere in acque con diverse variazioni di salinità, tanto che si può trovare facilmente in acque salate, o dolci come nei fiumi.

Purtroppo, è un pesce che molti snobbano perché considerato sporco. Infatti, il cefalo prolifera anche nei pressi dei porti, dove le acque sono più inquinate.

Tuttavia, non tutti sanno che tra ottobre e novembre, questo pesce trova riparo in acque più profonde e pulite. Quindi, probabilmente, i cefali, che possiamo trovare in questo periodo nelle pescherie, potrebbero essere anche qualitativamente buoni.

Benefici per la salute

Come si evince da diversi studi, il cefalo è un’ottima fonte di proteine. Le vitamine del gruppo B ad esempio potrebbero essere importanti per il metabolismo. Mentre quelle del gruppo A e D potrebbero essere rispettivamente buone per il sistema immunitario e la salute delle ossa.
Anche il fosforo (221 milligrammi ogni 100 grammi di cefalo) aiuterebbe a proteggere la salute di ossa e denti.
Tuttavia, il cefalo è anche fonte di colesterolo, quindi andrebbe consumato con moderazione da chi ha problemi cardiovascolari.
In ogni caso, bisogna sempre confrontarsi con il proprio medico, o nutrizionista di fiducia.

Il mercato del cefalo

Quindi, abbiamo appena scoperto che è un concentrato di proteine e fosforo questo pesce dei poveri che fa bene anche alle tasche.
Infatti, è veramente raro trovare il cefalo a prezzi superiori di 6 euro al chilo. Il suo prezzo, essendo un pesce molto diffuso nei nostri mari e fiumi, potrebbe oscillare tra 2 e 3 euro al chilo.
Più pregiata e sicuramente più costosa è invece la bottarga di muggine, che può raggiungere anche i 250 euro al chilo.
Il cefalo, inoltre, se fresco e di qualità, possiede una carne anche molto saporita. Tanti lo cucinano al vapore, al cartoccio, o grigliato, ma è ottimo anche da fare al forno, aromatizzato con prezzemolo, aglio, olio e limone.

Approfondimento

Non molti lo comprano eppure questo pesce gustosissimo è una miniera di proteine ed omega 3

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te