È sorprendente come a volte questo banale dolore dietro il tallone potrebbe essere un sintomo del colesterolo alto

Avere uno stile di vita sano ed una alimentazione equilibrata sono i comandamenti per tenere a bada i valori e sentirsi bene. Infatti, spesso quando si hanno 20 anni si mangia di tutto e si fanno anche le ore piccole senza un apparente risentimento. Andando più in là con gli anni, invece, il nostro corpo ne risente e anche molto. Ecco perché è necessario mangiare cibi sani e dedicare qualche ora del proprio tempo all’attività sportiva. Proprio come illustrato nell’articolo “È sorprendente ma è questo il gustoso mollusco ideale per contenere la glicemia e il colesterolo cattivo che spesso viene snobbato”. Molti sono convinti che il colesterolo alto aumenti il rischio di malattie al cuore e che comporti scompensi cardiovascolari.

Purtroppo a volte, particolari sintomi o disturbi che non farebbero pensare al colesterolo alto, sono dei campanelli d’allarme. È sorprendente come a volte questo banale dolore dietro il tallone potrebbe essere un sintomo del colesterolo alto, lo dice la scienza. In particolare, ciò è emerso da uno studio di alcuni ricercatori. Non solo quindi problemi cardiovascolari, ma anche problemi alla struttura muscolare.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

È sorprendente come a volte questo banale dolore dietro il tallone potrebbe essere un sintomo del colesterolo alto

In particolare secondo questo studio ci sarebbe una certa relazione tra colesterolo alto e tendinopatie. In particolare è emerso che le persone che soffrono di ipercolesterolemia familiare spesso accusano infiammazioni ai tendini, soprattutto al tendine di Achille. Tuttavia, tali disturbi, anche se sono maggiormente riscontrabili nei soggetti che soffrono di ipercolesterolemia familiare, interessano anche chi soffre di colesterolo alto. È emerso, infatti, che i soggetti con infiammazioni ai tendini hanno dei livelli di colesterolo totale, LDL e trigliceridi molto alti rispetto a chi non presenta infiammazioni. Il colesterolo, pertanto accumulandosi nei tendini, potrebbe alterare la matrice del collagene, determinando dolorose infiammazioni tendinee.

Ecco perché è necessario condurre uno stile di vita sano. Seguire un’alimentazione sana, effettuare periodicamente esami e fare attività fisica. Tutti questi comportamenti sono, infatti, la prima e più importante arma contro questo nemico cattivo.

Approfondimento

Pochi lo comprano ma è questo il pesce senza spine ideale contro i disturbi tiroidei e per un’alimentazione con poche calorie

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te