È questo il frutto dal basso indice glicemico, ipocalorico e ideale da mangiare per chi fa sport

Le more sono dei frutti di bosco, la cui pianta appartiene alla famiglia delle Rosacee. Le possiamo vedere tra i rovi con spine e aghi estendersi tra gli alberi. In questo articolo vedremo perché è questo il frutto dal basso indice glicemico, ipocalorico e ideale da mangiare per chi fa sport. Le proprietà e i benefici delle more sono importanti e un loro consumo regolare apporta notevoli effetti positivi sull’organismo.

È questo il frutto dal basso indice glicemico, ipocalorico e ideale da mangiare per chi fa sport

Le more sono un frutto a basso indice glicemico, contengono appena 43 calorie in soli 100 grammi. Per questo motivo possono essere consumate quotidianamente anche dai diabetici. Si consiglia comunque di gestire la porzione e la frequenza, secondo l’andamento della glicemia. Per assimilare al meglio tutti i loro nutrienti, è bene consumarle fresche. Contengono vitamina A e vitamina C , flavonoidi e antociani. Inoltre hanno effetto antinfiammatorio, antiossidante e depurativo.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Siccome apportano poche calorie e sono ricche di acqua e zuccheri, sono un frutto ideale da mangiare in un regime alimentare ipocalorico e dopo l’attività sportiva. Le more non danno luogo ad effetti collaterali tranne nei casi di intolleranze o allergie. Se mangiate in quantità eccessive, possono irritare l’apparato digerente.
Per questo motivo si consiglia un consumo giornaliero, pari a 100-150 grammi e in particolare a coloro che soffrono di patologie come diverticolite, colon irritabile e reflusso gastroesofageo.

Come riconoscere delle more mature

Quando si acquistano le more è importante prestare attenzione al loro stato di maturazione è importante. Se sono già mature, cioè quando sono di colore nero intenso tendente al blu scuro dovranno essere mangiate nel giro di un paio di giorni. Se non sono ancora mature, si possono conservare anche per un lasso di tempo compreso tra tre e quattro giorni, ma non oltre.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te