È arrivato il momento di seminare nell’orto questo delizioso e sanissimo ortaggio

Ormai siamo nel bel mezzo dell’estate ed il nostro orto ha quindi necessità particolari, tipiche di questo periodo. Richiede maggiore attenzione nell’irrigazione ed ha vari nemici da affrontare, tra cui le erbacce. Allo stesso tempo, è pronto ad accogliere nuove piante. Ricordiamo che è molto importante sapere sempre cosa piantare e quando, per avere il miglior raccolto possibile. Lo staff di Proiezionidiborsa è sempre al fianco dei lettori in questo senso. Ad esempio, in un articolo precedente, abbiamo indicato una sanissima pianta da seminare a luglio.

Anche oggi ci concentriamo su piante estive e lo facciamo consigliando una verdura molto popolare e dai tanti usi in cucina. È arrivato il momento di seminare nell’orto questo delizioso e sanissimo ortaggio.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera Slim

Ecco che cosa dobbiamo piantare

Consigliamo a tutti di piantare qualche bel cavolfiore. La principale ragione risiede nel fatto che i cavolfiori sono un vero toccasana quando messi in tavola. Essi sono infatti ricchi di vitamina C, proprio come le verdure più sane. Grazie a questa vitamina, i cavolfiori ci proteggono dall’invecchiamento ed impediscono che i radicali liberi danneggino il nostro corpo. Inoltre, i cavolfiori possono anche aiutarci a tenere sotto controllo la glicemia e hanno anche buoni effetti contro l’ipertensione. Insomma, ci sono tanti motivi per coltivarli.

È arrivato il momento di seminare nell’orto questo delizioso e sanissimo ortaggio

I cavolfiori temono il caldo, quindi è bene coltivarli d’autunno. Proprio per questa ragione, però, è importante iniziare a seminarli oggi, in modo che siano pronti per crescere alla fine dell’estate. Se tardiamo troppo, avremo il problema opposto, ovvero ci troveremo costretti a coltivarli d’inverno. Questo metterebbe in pericolo il cavolfiore, perché teme anche il freddo.

L’ideale sarebbe piantare i semi in semenzaio e poi trapiantarli dopo un mese o quaranta giorni. Questa è un’operazione particolarmente importante se abitiamo in zone molto calde, in cui l’aridità potrebbe danneggiare il cavolfiore neonato.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te