Dopo tanto soffrire per le azioni MFE B la svolta potrebbe essere vicina

Con un ribasso di circa l’80% nel corso dell’ultimo anno, è evidente la difficoltà del titolo MFE B di forzare al rialzo e dare riscontro alla forte sottovalutazione di cui andremo a discutere nel prossimo paragrafo. Tuttavia, dopo tanto soffrire per le azioni MFE B la svolta potrebbe essere vicina. Già a livello settimanale, infatti, si potrebbero essere create le condizioni per un rialzo. Adesso anche nel breve termine potremmo assistere a una svolta.

Come si vede dal grafico, con la seduta del 19 luglio il titolo ha dato un’importante sterzata al rialzo rompendo la resistenza in area 0,5127 euro. A questo punto, quindi, non ci sono più ostacoli lungo il percorso che porta all’obiettivo più probabile in area 0,6415 euro. A seguire, poi, l’obiettivo successivo si trova in area 0,717 euro. La massima estensione rialzista, invece, potrebbe andare a collocarsi in area 0,7925 euro.

Un chiaro indizio ribassista si potrebbe avere con una chiusura giornaliera inferiore al supporto in area 0,5948 euro. In questo caso, il titolo MFE B potrebbe andare ad aggiornare i suoi minimi storici dirigendosi verso area 0,5 euro.

La valutazione del titolo MFE B

Secondo quanto riportato sulle riviste specializzate, qualunque sia l’indicatore utilizzato, le azioni MFE B sono fortemente sottovalutate.

Basti pensare che per il rapporto prezzo/utili, a fronte di una media del settore di riferimento pari a 21,6, il PE di MFE B è pari a 5,1, per una sottovalutazione di circa l’80%. Questa forte sottovalutazione è confermata anche dal Price to Book ratio, che esprime uno spazio di apprezzamento per il titolo superiore al 50%. Anche l’EV/EBITDA, che meglio esprime le differenze tra titoli dello stesso settore, permettendo un confronto affidabile, indica una forte sottovalutazione per le azioni MFE B. Inoltre, con un rapporto tra capitalizzazione e fatturato di circa 0,26 per l’esercizio in corso, la società appare molto sottostimata. Infine, il fair value, calcolato con il metodo del discounted cash flow, esprime una sottovalutazione di oltre l’80%.

Per gli analisti che coprono il titolo il consenso medio è mantenere con un prezzo obiettivo medio che esprime una sottovalutazione di circa il 30%.

Dopo tanto soffrire per le azioni MFE B la svolta potrebbe essere vicina. I livelli da monitorare secondo l’analisi grafica

Le azioni MFE B (MIL:MFEB) hanno chiuso la seduta del 19 luglio a quota 0,6205 euro, in rialzo del 4,99% rispetto alla seduta precedente.

Time frame giornaliero

MFE B

Lettura consigliata

I grafici dei mercati e previsioni sono allineati: il ribasso è finito?

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te