Dopo Pasqua arrivano subito 4 scadenze fiscali importanti con l’Agenzia delle Entrate e a carico dei contribuenti

Archiviate le festività pasquali, riprende la macchina delle erogazioni INPS (ecco quelle previste in questa coda di aprile) e delle riscossioni o adempimenti. Al riguardo, dopo Pasqua arrivano subito 4 scadenze fiscali importanti e che adesso proviamo a sintetizzare.

Indice dei contenuti

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Gli appuntamenti in calendario per il 20 aprile

Un primo blocco di scadenze riguarda la data di domani, 20 aprile (ne ricordiamo solo 2 tra le varie).

Troviamo anzitutto la comunicazione analitica delle operazioni posta a carico di alcuni contribuenti operanti nel turismo. Il riferimento è agli esercenti commercio al minuto (e assimilati) e le agenzie viaggi dove si è acquistato in contante beni dai quali sono resi i servizi turistici. In particolare deve trattarsi di contribuenti che non effettuano la liquidazione mensile dell’IVA.

Una seconda incombenza sempre per domani 20 aprile riguarda la trasmissione dati per i misuratori fiscali. In pratica i produttori di questi strumenti e i laboratori di verifica periodica degli stessi devono comunicare i dati all’Anagrafe tributaria. Il periodo di riferimento è il primo trimestre 2022. Invece i dati in questione riguardano quelli identificativi delle operazioni di verifica periodica effettuate.

Dopo Pasqua arrivano subito 4 scadenze fiscali importanti con l’Agenzia delle Entrate e a carico dei contribuenti

Passando alla data del 26 aprile, ecco l’obbligo di presentazione degli elenchi Intrastat a carico degli operatori intracomunitari. In pratica in questi elenchi vanno illustrate quali cessioni e/o acquisti di beni e/o servizi sono stati compiuti in ambito comunitario.

Per gli operatori con obbligo mensile, il periodo di riferimento è marzo 2022. Invece per gli operatori con obbligo trimestrale, gli elenchi riguardano le operazioni dei mesi di gennaio, febbraio e marzo.

La comunicazione dell’opzione cessione del credito o sconto in fattura

Infine arriviamo a uno degli appuntamenti chiave di aprile con l’AdE, ossia la comunicazione dell’opzione cessione del credito o sconto in fattura. Il riferimento è ai beneficiari di uno o più dei c.d. Bonus casa. Ossia i Bonus introdotti dal legislatore in tema di efficientemente energetico, recupero del patrimonio, impianti fotovoltaici. E poi ancora gli interventi legati alla riduzione dei rischi sismici o le colonnine di ricarica e il famoso Superbonus 110%.

I beneficiari che hanno scelto la cessione del credito o lo sconto in fattura, devono comunicare tale decisione all’AdE entro il 29 del mese. Al riguardo ricordiamo 3 elementi:

Approfondimento

Brutte notizie sulle rate dei mutui e prestiti bancari non pagati ma la soluzione potrebbe nascondersi in queste 3 strategie alla portata di tutti

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te