Dobbiamo fare molta attenzione a questa verdura che potremmo avere nell’orto perchè è velenosa

In cucina e nell’orto bisogna fare molta attenzione. Se da un lato prodursi da sé il cibo ha molti vantaggi non dobbiamo mai dimenticare che ci sono anche alcuni rischi da non sottovalutare. Il cibo va sempre prodotto, conservato e trasformato seguendo regole precise per evitare problemi.

Abbiamo già visto in questo articolo che un comune ortaggio è velenoso se non viene trattato secondo un procedimento specifico.

Oggi vediamo perché dobbiamo far molta attenzione a questa verdura che potremmo avere nell’orto perché è velenosa.

Un ortaggio buono a metà

Dobbiamo sapere che molto spesso quando si parla di cibi velenosi o nocivi può essere che solo una parte di questi prodotti lo sia. Per esempio, la buccia di patate contiene la solanina, che può essere tossica.
Alcuni vegetali invece hanno solo alcune parti commestibili mentre altre nascondono caratteristiche poco piacevoli.

È così per la pianta di cui parliamo oggi, che ha delle radici apprezzate e usate in cucina ma delle foglie da evitare assolutamente. Stiamo parlando del rabarbaro, una pianta erbacea molto diffusa per le sue proprietà e spesso presente nei nostri orti.

Dobbiamo fare molta attenzione a questa verdura che potremmo avere nell’orto perché è velenosa

Il rabarbaro ha una radice utilizzata comunemente in cucina per realizzare marmellate, estratti e liquori ed è molto apprezzata per il suo caratteristico sapore amaro.

Le foglie di rabarbaro invece sono velenose, o meglio, contengono una sostanza che può essere velenosa per l’uomo, l’acido ossalico. Questa sostanza è comune in alcune piante può portare a un accumulo di cristalli negli organi e alla formazione di calcoli renali.

Fatte queste premesse dobbiamo aggiungere che è molto raro che avvenga un avvelenamento da foglie di rabarbaro in quanto la dose letale necessaria sarebbe molto alta.

Comunque sia è meglio ricordarsi che non si possono consumare queste foglie perché potrebbero danneggiare il nostro organismo. Ora che lo sappiamo possiamo stare tranquilli!

Consigliati per te