Cosa seminare a gennaio nell’orto e semenzaio per prodotti ricchi di sapore, fibre e vitamine

Molte persone si dilettano con la cura dell’orto e del giardino. C’è chi predilige piante e fiori e chi, invece, preferisce frutta e verdura. Il giardinaggio è una passione che regala tantissime soddisfazioni, soprattutto durante la bella stagione. Tuttavia, in inverno non si deve stare con le mani in mano. Nell’orto c’è sempre da fare. Anzi, esiste un vero e proprio calendario che riguarda i lavori da fare nell’orto o in serra.

Vediamo quindi cosa seminare a gennaio nell’orto e semenzaio per prodotti ricchi di sapore, fibre e vitamine da gustare durante le prossime primavera ed estate.

Nonostante le temperature fredde, se il terreno non è a rischio gelate, possiamo seminare o trapiantare varie piante.

Cosa seminare a gennaio nell’orto e semenzaio per prodotti ricchi di sapore, fibre e vitamine

Ecco qui l’elenco degli ortaggi da poter mettere a dimora:

  • aglio;
  • cipolla;
  • basilico;
  • timo;
  • sedano;
  • carote;
  • patate;
  • porri;
  • piselli;
  • fave;
  • pomodori;
  • cetrioli;
  • cavolfiore;
  • melanzane;
  • zucchine;
  • peperoni;
  • rucola;
  • lattuga;
  • ravanelli;
  • spinaci;
  • valeriana.

Ovviamente, le bulbose e le verdure che crescono sotto terra non danno grossi problemi. Patate, aglio, carote, porri e cipolle non temono infatti le eventuali gelate.

Per altre verdure, invece, si deve avere un occhio di riguardo. Nello specifico lattuga, melanzane, zucchine, peperoni e pomodori, dopo la semina, vanno sistemati in un ambiente protetto. Non possiamo mantenerli all’esterno, in balia degli eventi atmosferici, ma li dobbiamo sistemare in una serra o, comunque, in un semenzaio protetto. Quest’ultimo, molto semplicemente, altro non è che un piccolo ambiente dove far sviluppare i semi delle varie piante. Nel momento in cui le nostre piantine avranno sviluppato almeno 4 o 6 foglie, allora potremo procedere a trasferirle nell’orto. In alternativa, per chi non avesse l’opportunità di avere un luogo riparato, è possibile riparare le varie coltivazioni dell’orto coprendole con un foglio di tessuto non tessuto.

È fondamentale preparare il terreno

Prima di procedere con le semine di gennaio, è bene preparare il terreno. In particolare, per evitare l’impiego di fertilizzanti artificiali, si consiglia di rendere il terreno più fertile applicando una tecnica che ci hanno insegnato i vecchi contadini. Ecco cosa si deve fare. Prima di procedere con la semina (o la messa a dimora), effettuare un’aratura abbastanza profonda, di almeno 30 o 40 cm. Quindi, interrarvi del letame maturo, o altro concime, sempre di natura organica. Può essere utile anche il compost, purché sia già ben decomposto.

Approfondimento

Oltre a scalogno e indivia, dicembre è il periodo migliore per coltivare in giardino questi gustosi frutti colorati ricchi di vitamine

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te