Cosa fare se ci cambiano le tariffe telefoniche?

Sta accadendo molto spesso di ricevere dei messaggi dai rispettivi operatori telefonici con l’annuncio del cambio della tariffa. O anche della variazione, spesso in eccesso, di uno o più servizi, legati al nostro piano tariffario. Per legge, le compagnie telefoniche possono in effetti aumentare o modificare le tariffe con una semplice comunicazione. Questa procedura è comunque tutelata dall’Autorità Garante delle Comunicazioni, all’interno dell’articolo 70 del Codice delle comunicazioni elettroniche. Vediamo, comunque assieme ai nostri Esperti e avvalendoci di personale specifico, come agire in questi casi.

Il cambiamento di tariffa deve essere giustificato

Visto che ci sono leggi e regolamenti a nostra tutela, è bene subito premettere che le modifiche unilaterali di un contratto possono avvenire solo per un motivo giustificato. Il contratto che abbiamo stipulato con la compagnia deve assolutamente indicare le motivazioni oggettive per le quali avviene la variazione. Tutto deve apparire in maniera chiara, all’interno del contratto. Deve essere tutto trasparente e la notifica del cambio deve essere anticipata da almeno 60 giorni. A nulla valgono, ricordiamo ai nostri Lettori, frasi del tipo: “stiamo cambiando le politiche commerciali adeguandoci ai mercati”. Non hanno alcun valore contrattuale.

Cosa fare quindi è semmai come recedere

Quindi, cosa fare se ci cambiano le tariffe telefoniche e come recedere senza problemi? Ricordiamo in merito questi passaggi fondamentali:

  • l’operatore della compagnia deve informarci assolutamente che in caso di rifiuto, abbiamo diritto alla recessione contrattuale, senza penale e senza costi con un preavviso di un mese;
  • possiamo a questo punto recedere dal servizio e cambiare piano, rimanendo con la stessa compagnia telefonica;
  • ma è possibile anche passare alla concorrenza, mantenendo lo stesso numero e facendoci garantire il costo zero dell’operazione;
  • l’operatore, in caso di cessazione del contratto, deve esporci in maniera assolutamente chiara tutte le modalità e le garanzie del recesso, senza obbligarci a contattare ulteriormente il loro call center.

Attenzione se abbiamo abbinato l’offerta a un prodotto

Nel caso in cui a suo tempo avessimo stipulato il contratto, acquistando a rate un telefono, in caso di recessione, saremo comunque obbligati a continuare il pagamento, o a estinguerlo in una soluzione unica.

Approfondimento

Conviene ancora fare gli abbonamenti di telefonia mobile?

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te