Con quale tipo di diabete si ha diritto alla pensione di invalidità?

Con quale tipo di diabete si ha diritto alla pensione di invalidità? Esistono diverse forme di diabete e a ciascuna di esse l’Inps riconosce una diversa percentuale di invalidità. Ciò perché in relazione alla gravità dei sintomi il soggetto che ne è affetto incontra difficoltà nello svolgimento dell’attività lavorativa e delle pratiche quotidiane. Occorre pertanto verificare in che misura la patologia ostacola il regolare funzionamento psicofisico del paziente.

Quanto più la malattia compromette e rende inabile all’attività lavorativa il paziente, tanto più alti saranno i sussidi economici e le agevolazioni fiscali. In un precedente articolo abbiamo fornito un elenco dettagliato ai lettori che chiedevano “Quali malattie danno diritto all’invalidità civile e chi può richiedere la pensione?”. Adesso vi diremo in un manciata di minuti con quale tipo di diabete si ha diritto alla pensione di invalidità. L’Inps riconosce infatti 3 diverse forme di diabete cui corrispondono altrettante fasce di percentuali che vanno dal 41% al 100% di invalidità.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Con quale tipo di diabete si ha diritto alla pensione di invalidità?

L’unico tipo di diabete che garantisce il diritto all’assegno pensionistico è il diabete mellito in presenza di specifiche complicanze. Rientra infatti nella fascia compresa tra il 91% e il 100% di invalidità il paziente diabetico che soffre anche di forme acute di nefropatia. Lo stesso dicasi per le complicanze che determinano retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali o arteriopatia ostruttiva.

I pazienti con diabete mellito che soffrono delle complicanze appena elencate possono richiedere la pensione di invalidità all’Inps. Ciò perché la gravità della patologia riduce drasticamente o del tutto la capacità lavorativa del paziente. A ciò si aggiunga la necessità di continue cure e assistenza da parte di terzi per svolgere anche semplici azioni quotidiane.

Altre agevolazioni e benefici sono riservati ai pazienti la cui patologia presenta una percentuale inferiore di invalidità. Esistono difatti altre due fasce di invalidità di cui una che oscilla tra il 41% e il 50% e l’altra tra il 51% e il 60%. Nella fascia tra il 41% e il 50% rientrano i pazienti affetti da diabete mellito di tipo 1 o 2 che soffrono di complicanze micro-macroangiopatiche. Mentre nella fascia che va dal 51% al 60% si collocano gli assistiti con diabete mellito insulino-dipendente o con crisi ipoglicemiche.

Consigliati per te