Quali malattie danno diritto all’invalidità civile e chi può richiedere la pensione?

Ha diritto alla pensione di invalidità chi può certificare la presenza di malattie e menomazioni per le quali si può richiedere di beneficiare di agevolazioni e aiuti. Occorre tuttavia capire cosa si intende per “invalido civile”, come si ottiene il riconoscimento di inabilità, quali i requisiti necessari e gli accertamenti cui sottoporsi. Ciò perché esistono tabelle che consentono di individuare la percentuale di invalidità e i corrispondenti sostegni cui si ha diritto.

L’articolo 38 della Costituzione italiana

Ciò perché non tutte le patologie conferiscono l’accesso alle prestazioni assistenziali, all’esenzione dal ticket sanitario o all’assegno pensionistico. Conviene pertanto informarsi su quali malattie danno diritto all’invalidità civile e chi può richiedere la pensione prima di inoltrare domanda all’Inps. Lo Stato italiano assicura protezione e supporto “a tutti i cittadini inabili al lavoro  e sprovvisti dei mezzi necessari per vivere”. L’articolo 38 della Costituzione italiana tutela così le categorie più deboli, bisognose di forme assistenziali per garantirsi sostentamento.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Quali malattie danno diritto all’invalidità civile e chi può richiedere la pensione?

A disciplinare l’erogazione di prestazioni economiche e assistenziali a favore degli invalidi intervengono l’art. 1 della legge dicembre 1996 n. 662 e la legge dicembre 2007 n. 247. Il dettato giuridico è teso ad accertare non solo il possesso, ma anche la conservazione dei requisiti amministrativi da parte del beneficiario delle agevolazioni statali.

Rientrano nella categoria dell’invalidità civile i mutilati, i ciechi e i sordi, gli invalidi civili e i soggetti affetti da talassemia e drepanocitosi. Il Ministero della Salute ha individuato, col decreto del 5 febbraio 1992, nel 33% la soglia minima di accesso alle misure assistenziali ed economiche. Secondo quanto detta la Legge 118/1971 l’invalidità civile descrive una compromissione del funzionamento fisico e/o psichico del soggetto. Invalido è pertanto chi presenta una permanente condizione di ridotta capacità lavorativa non inferiore al 33%, ovvero ad un terzo.

L’istituto di Previdenza sociale ha provveduto a stilare una tabella che contempla una lista delle malattie suddivise per tipologia. Accanto a ciascuna patologia compare la percentuale di invalidità e i corrispondenti benefici cui la patologia conferisce diritto.

Consigliati per te