Come preparare la pastella con l’acqua frizzante per fritti leggeri e gustosi

La pastella può essere preparata in molti modi. C’è chi la ama con la birra, chi senza uova, chi con farine alternative. Coloro che vogliono mangiare piatti fritti ma leggeri possono però trovare un alleato nell’acqua frizzante. Questa permette, infatti, di preparare una pastella gustosa ma meno pesante di quella tradizionale.

Un esempio è la tempura, tipica della cucina giapponese. La sua pastella porosa e leggera è, infatti, il risultato dell’utilizzo dell’acqua gassata. Ecco, allora, come preparare la pastella con l’acqua frizzante per fritti leggeri e gustosi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Gli ingredienti necessari

Sono pochi gli ingredienti necessari per preparare questa pastella. L’effetto dell’acqua frizzante non rende necessario l’uso del lievito o del bicarbonato. Chi volesse una pastella più corposa e non teme le calorie più aggiungere una o due uova. Gli ingredienti base sono, invece, acqua frizzante, farina, sale e olio extravergine.

Attenzione però, l’acqua frizzante deve essere molto fredda. È consigliato, quindi, conservarla in frigo fino a pochi minuti prima della preparazione della pastella. L’acqua tiepida non renderà la pastella leggera e croccante.

Come preparare la pastella con l’acqua frizzante per fritti leggeri e gustosi

Il procedimento che permetterà di ottenere una pastella perfetta per friggere cibi leggeri è molto semplice.

Per prima cosa bisogna sbattere l’uovo, se si è scelto di usarlo. Dopodiché si devono preparare, in una terrina, circa 120 gr di farina, un pizzico di sale e un cucchiaio di olio.

A questo composto vanno aggiunti circa 120 ml di acqua frizzante. Questa va versata poco per volta continuando a mescolare per bene. Il risultato finale dovrà essere una pastella liquida ma non troppo.

Deve rimanere, infatti, sulla superficie del cibo che verrà fritto senza essere troppo spessa e grumosa. Il consiglio è, quindi, quello di provare se la consistenza è adatta pucciandoci un pezzo di verdura o del cibo scelto. Una volta ottenuta la corposità desiderata, la pastella va coperta e fatta riposare per almeno un’ora in frigo.

La pastella non utilizzata può essere tenuta in frigo per circa tre giorni. Prima dell’utilizzo questa va mescolata bene per rendere il composto della giusta consistenza.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te