Come potare le orchidee secche e spente per vederle rifiorire tutto l’anno sempre in salute

Ci sono alcuni tipi di piante che suscitano molto fascino, per la loro bellezza e l’eleganza che sprigionano. È innegabile che l’orchidea sia una specie molto apprezzata e molti desiderano averne almeno una in casa.

Anche nei secoli passati erano ambite e furono anche protagoniste di opere letterarie. Nell’800 ci fu una vera e propria caccia all’orchidea, molti appassionati desideravano avere questa pianta tropicale, tanto da scatenare il collezionismo. In Oriente rappresenta la purezza dei bambini, mentre in Occidente la passione e la sensualità, si regala alla persona amata.

Quella più diffusa, a “farfalla” fiorisce in inverno, regalando uno spettacolo per i nostri occhi. Ma non sempre vederla in fiore è così semplice, perché bastano pochi imprevisti, o mosse sbagliate, per rovinarle. Effettivamente, è una pianta abbastanza particolare a livello di cure e attenzioni.

Stimolare la fioritura

Mantenere le orchidee non è complicato, ma ci sono delle regole basilari che molti conoscono. Sicuramente la luce incide molto, essendo una specie tropicale, è abituata a vivere in zone molto luminose, ma mai sotto i raggi del sole diretti.

Un altro fattore importante è l’umidità, tanto da essere perfette da posizionare in bagno. Nei mesi estivi è importante vaporizzare dell’acqua sulle foglie e d’inverno è necessario tenerle lontano dai termosifoni o dalla cucina.

Un altro trucchetto da non trascurare è la temperatura, per farle fiorire bisognerebbe creare degli sbalzi di almeno 10 gradi.

Questo è quello che servirebbe per farle vivere bene e mantenerle a lungo. Ma quando vediamo l’orchidea soffrire, tramite alcuni segnali, come foglie gialle e secche, fiori appassiti o mai nati, spesso significa che è arrivato il momento di potare.

Come potare le orchidee secche e spente per vederle rifiorire tutto l’anno sempre in salute

Esistono dei momenti precisi per effettuare la potatura, non bisogna mai farlo a caso. Principalmente dovremmo farlo dopo che produce i fiori, quindi quando li vediamo appassiti e spenti. Se li eliminiamo, la pianta troverà nuovo vigore, migliorando il suo stato. Non dovremo, però, solo staccare il fiore, ma tagliare, con delle forbici sterilizzate, l’attaccatura allo stelo.

Successivamente, a fine fioriture, dovremo potare anche gli steli che precedentemente hanno prodotto fiori, a pochi centimetri dal corpo principale. In questo modo svilupperà nuovi e vitali steli verdi.

Eliminiamo anche quelli che sembrano avere un colore tendente al giallo, quindi ormai secchi. Approfittiamo anche per eliminare le radici marce e danneggiate, estraendo la pianta dal vaso, tagliamo i punti morti, con attenzione e delicatezza. In questo modo potremo anche fare un rinvaso, visto che bisognerebbe farlo una volta l’anno.

Ecco, dunque, come potare le orchidee secche e spente per vederle rifiorire tutto l’anno sempre in salute, provocando l’invidia di molti.

Approfondimento

Ecco quali piante, rampicanti e alberi possiamo potare a novembre per renderli resistenti e rigogliosi.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te